Orfani

Se le cose vanno senza sorprese ha ragione Andrea Colombo che, su Gli Altri, settimanale di sinistra intelligente diretto da Piero Sansonetti, si è domandato: ”Cosa abbiamo in comune io, Sallusti, Marco Travaglio? Che da lunedì saremo orfani di Berlusconi: i berlusconiani, gli antiberlusconiani e la categoria degli anti-antiberlusconiani”. Categoria alle quale mi pregio di appartenere con una parte esigua della sinistra che va da Sansonetti a, forse, Tony Blair, passando per Matteo Renzi, con diverse sfumature e parecchie diversità di prospettive. Comunque solo gli ultimi due gruppi hanno motivi di compiacersi anche se con modalità diverse.

Colombo spiega perché noi in fondo abbiamo meno da perdere. Agli antiberlusconiani basta avere eliminato il Cavaliere, anche se andranno per un po’ a caccia di collaborazionisti e sopravviveranno sparacchiando come nel Triangolo rosso. Poi si dovranno trovare un altro nemico che non siano solo i collabòs. Noi sfuggiti alle rappresaglie ed alle allegre gogne delle comari tricoteuses, che ci coinvolgeranno con un sorriso, come non fu con la rivoluzione culturale cinese e i suoi deviazionisti. Noi siamo in verità dispiaciuti che a Berlusconi non succeda una sinistra degna, credibile, ma un amalgama manettaro e inconcludente, ma felicissimi che vengano messi alla prova, perché sapevamo benissimo che sarebbe finita così.

In verità ho messo anche Renzi, non solo perché ripete che non è attaccando Berlusconi che la sinistra diventerà credibile, ma perchè con le ultime amministrative sono felicemente a fine corsa anche i rottamatori. Perché, dite? Beh, non certo per le ragioni autoconsolatorie illustrate da D’Alema a proposito della vittoria di Fassino. Che invece è la prova che dopo aver fatto il ministro e il segretario di partito ci si può battere anche per fare il sindaco, con le primarie e tutto. Ma perché con la fine di Berlusconi finisce un ciclo politico appartenuto a quelli che come me si davano del tu perché erano nati prima della caduta del Muro. Finis, stop, fine corsa. A destra e a sinistra di questo establishment restano solo rottami.

Anzi, diciamo che il modello Fassino è la controprova che la rottamazione nel senso migliore è la soluzione ormai unica al tema delle classi dirigenti: tutti quelli che hanno fatto più di due legislature tranne un nucleo ridottissimo, hanno il pieno diritto a presentarsi candidati: la Bindi, D’Alema, la Finocchiaro, Veltroni (che pure l’ha già fatto) ecc. nei Comuni dove se la sentono. Se gli va bene bene, sennò avanti un altro. E da dove si è amministrato bene finora si può anche ripartire per avere magari una classe dirigente degna di questo nome. De Luca potrebbe essere al posto di Ranieri il responsabile delle politiche per il Sud, Chiamparino degli Enti locali, Renzi si può candidare a quel che vuole. Se non gli rifanno contro addirittura il Pci. In quel caso si può candidare contro e semmai farsi un partito suo.

Con Berlusconi muore l’antiberlusconismo e anche l’anti-antiberlusconismo. Le idee di un’Italia normale, rinnovata, rivolta al futuro e senza guerre tribali ideologiche, libera e liberale, solidale e responsabile, indipendente da fantasmi ideologici e religiosi… le nostre idee non moriranno mai. Mò ce vorrebbe uno pratico, nato dopo il crollo del Muro.

41 commenti a “Orfani”

  1. Orfani scrive:

    [...] Vai a vedere articolo: Orfani [...]

  2. tato tripodo scrive:

    travaglio è come un virus! 20 anni di antiberlusconismo l’hanno reso indistruttibile. fuori berlusconi si inventerà un nuovo nemico. il vero perdente sarà sallusti! non vedo l’ora che l’era berlusconiana finisca solo per dimostrare a tutti gli italiani che in italia il problema non è mai stato berlusconi. ai più vecchietti non sfugge il fatto che l’italia è sempre stato un paese di don abbondi e don rodrighi che hanno fatto sempre i loro porci comodi alle spalle dei tramaglini. spero che almeno questa ipocrisia prima o poi venga a galla soprattutto per i più giovani che sono stati convinti che eliminato berlusconi l’italia tornerà ad antichi splendori. ma quali splendori? quelli che diedero vita a tangentopoli? ipocriti tutti gli antiberlusconiani!

  3. doris scrive:

    l’antiberlusconismo ha reso bene a Travaglio & C. se è vero che il dividendo è stato ” favoloso ” Vorrà dire che in seguito si dovranno accontentare o partorire un nuovo bersaglio. Chi potrebbe essere?
    Come farà De Magistris a portare , in breve tempo, la raccolta differenziata dal 18% attuale al 75% ? Con la bacchetta magica? Si dovrà suggerire a Fassino, sindaco di Torino, di prendere lezioni da De Magistris ( se vincerà) perchè da noi la raccolta differenziata, partita ormai da anni,è ferma al 42%

  4. Grigorij Melechov scrive:

    Salomè;
    Guardi, il Caimano non è ancora morto,anche qualora perdesse Milano e Napoli.
    Dunque la sua articolessa mi sembra più scaramantica che altro.
    Non si preoccupi in ogni caso, la Sinistra “intelligente” per auto-acclamazione, come la vostra, trova sempre ricchi signori o coppie che la adottano.
    Siete voi che non rimarrete mai orfani. Voi “sinistri di Vichy” però non studiate abbastanza, il fantasma della caccia ai “collabòs” vi toglie lucidità.
    Coda di paglia?
    Il “Triangolo Rosso” è un’invenzione dei fascisti e della propaganda del rancoroso Pansa, un poveraccio che invecchia proprio male.
    Le cifre esatte della caccia ai “collabòs” vedono al primo posto Torino, con 1138 uccisi, al secondo Treviso con 630 uccisi e 105 scomparsi, al terzo Bologna con 494 uccisi e 181 scomparsi, poi Milano con 619 uccisi e 22 scomparsi.
    A differenza di Pansa, che si dimentica di contestualizzare, preciso che dall’ 8 settembre 1943 alla Liberazione Torino ebbe dai fascisti 11 impiccati, 271 fucilati, 12.9000 arrestati, 20.000 deporti, 132 caduti in scontri a fuoco.
    Sicuro di non essersi confuso col “triangolo nero”, quello in cima ai pensieri ( pardòn! Ai conati…) del Caro Leader?

  5. tato tripodo scrive:

    grigorj lei è un genio nell’arte di non dire nulla. ripeto: se dovessimo analizzare le stragi compiute nel mondo dai socialisti il risultato sarebbe capovolto solo considerando i morti causati dal vostri amati hitler e lenin! molti studiosi ormai ritengono che il socialismo di hitler e quello di lenin hanno la stessa matrice! vergognatevi.

  6. torquemada58 scrive:

    Non è vero che con Berlusconi muore l’antiberlusconismo, semmai muore l’anti-antiberlusconismo rappresentato dal partito dei disertori e di quelli con la coscienza civile moscia.

  7. tato tripodo scrive:

    torquemada , questa è la prova che avete solo l’antiberlusconismo in testa. non riuscite a pensare ad altro che a berlusconi! fatevi venire qualche idea per mettere a frutto la vostra intelligenza!

  8. Grigorij Melechov scrive:

    Tato,
    Guardi, i socialisti che ho conociuto io le stragi le facevano in discoteca….
    per usare un eufemismo, la sua preparazione ha alcune lacune.
    Migliori i suoi testi e lasci perdere Facci, causa danno cerebrali permanenti.

  9. tato tripodo scrive:

    grigorj. magari fosse come dice lei. provi anche lei ad approfondire la materia! non so se può farla sorridere ma proprio l’altro ieri su history channel hanno trasmesso un documentario sulle analogie dei totalitarismi di lenin e hitler dove i più grandi studiosi di storia ( americani rissi tedeschi inglesi e italiani) convenivano su questo punto che ho riportato! io non ho una gran preparazione però so ascoltare; se poi lei si annoverà fra i più grandi studiosi di storia del pianeta sono disposto a imparare anche da lei! non mi stupisco delle sue perplessità perchè proprio uno di questi diceva di quanto sbigottimento suscitava nelle università, in quanto docente, quando raccontava il modo corretto di leggere la storia secondo la loro interpretazione.

  10. pippo turati scrive:

    Una prece.

  11. ciospo scrive:

    Indecente fare un parallelo tra caduta del fascismo e (ipotetica per ora) caduta del berlusconosmo.
    non si possono paragonare le morti, il dolore e i lutti innumerevoli di allora con le farsesche vicissitudini di oggi.
    I morti di allora sono cosa seria bisognosa di rispetto.
    I voltagabbana (politici e portaborse )e i disoccupati(intelettuali ,giornalisti) di domani non meritano neppure una menzione e di molti non si sentira’ la mancanza.
    Il “triangolo rosso” un’invenzione dei fascisti…non l’avevo mai sentita…non c’e’ mai limite!

  12. Sabina scrive:

    Sfugge a questa intelligentissima riflessione un orfano fondamentale : il centro destra senza Berlusconi, e la sinistra finta che s ‘ e’ messa sul carrozzone di Berlusconi ma facendo cattive previsioni . Questi sì che saranno divertentissimi . Ma anche se penso a sallusti o a belpietro o al poro Liguori, lingue orfane di culi.

  13. Attilio Fruci scrive:

    Ricordarsi del grande Trap.

  14. Grigorij Melechov scrive:

    Quoto sig Fruci,
    però non vedo carnevali di Rio anticipati, che sarebbero da fessi, solo “sinistri di Vichy” con legittima fifa.
    Meglio di Trap e “gatto nel sacco” anche il saggio Boskov:
    “rigore è solo quando arbitro fischia”.
    Ciospo,
    Non faccia la verginella per poter polemizzare:
    il “triangolo rosso” non esiste non perchè non sia avvenuto niente, ma perchè in altre zone successe ben di peggio.
    Ho elencato le statistiche in proposito.
    Il libro si chiama “la lunga liberazione” di Mirco Dondi.

  15. tato tripodo scrive:

    pisapia ha già vinto i veri scaramantici siete voi! complimenti al vincitore e tanto di cappello! adesso Pisapia faccia vedere cosa sa fare per milano !

  16. Ciro scrive:

    @Caino Mediatico caro io non so quanti anni tu abbia. Io che ne ho 50 (non 300) riesco a ricordare benissmo che quando ero piccolo per i Comunisti tutti i problemi del mondo dalle guerre puniche in poi era colpa di Andreotti 8anni 80). Poi di colpo Andreotti viene affidato al tritacarne giudiziario ufficiale e si passa a Craxi. Anche li, da fine anni 80 a meta anni 90 tutto quello che era successo nel mondo, comprese le guerre in Africa era colpa di Craxi.

    Eliminato Craxi è arrivato Berlusconi che a differenza dei primi due gode del sostegno della metà degli italiani e solo per questo è durato di più.

    Chiunque verrà dopo sarà anche lui passato al tritacarne. Perché chi non sa fare sa certamente distruggere.

  17. torquemada58 scrive:

    @ Ciro

    Mi permetto di correggere alcuni suoi errori evidenti :

    1. Il 1° Governo Andreotti viene varato in data 17.02.1972, il 7° Governo Andreotti termina il 28 giugno 1992, dunque la parabola di Andreotti come Presidente del Consiglio è durata 20 anni, quella di Berlusconi al momento è ferma a 17 anni.

    2. Craxi è entrato nel tritacarne giudiziario prima di Andreotti

    3. Berlusconi non hai mai avuto il sostegno della metà degli italiani.

  18. smilla scrive:

    Bravo Caino, come sempre!!!

  19. tato tripodo scrive:

    10 e lode a ciro!

  20. tato tripodo scrive:

    torquemada quando torni in italia? le informazioni all’estero non arrivano?
    cmq signori oggi stringiamoci tutti insieme in un unico coro! FORZA PALERMO!

  21. ciospo scrive:

    @ G.M.
    con lo stesso criterio usato da lei potrei dire che il bauscia si e’ comportato benissimo intendendo con questo che altri si sono comportati peggio.
    Se a lei suona logico…….

  22. Grigorij Melechov scrive:

    Ciospo,
    Non voglio litigare, ma con lei è difficile.
    Faccio un fioretto e ci riprovo.
    “Triangolo rosso” è una bella espressione cinematografica, buona per la propaganda politica.
    In realtà in altre zone, come le ho elencato, i morti furono molti di più.
    Però, siccome non era necessario per la lotta politica, nessuno ha parlato di “quadrato torinese” o di “pentagono di Treviso”.
    Alludevo con evidenza all’utilizzazione politica di questi fatti, non ad una loro gerarchia morale.
    Miiiinkiaaaa!!!

  23. tato tripodo scrive:

    10 e lode pure a ciospo!

  24. tato tripodo scrive:

    grigorj come le ho già detto lenin e hitler superano i suoi conti! vergognatevi!

  25. ciospo scrive:

    @G.M.
    si sbaglia litigare con me e’ molto difficile.Detesto le polemiche, non guardo per principio trasmissioni in cui esagitati affabulatori si lanciano a dire scicchezze ad alta voce.
    Devo tuttavia ricordarle che lei ha scritto che il triangolo rosso e’ invenzione dei fascisti.
    Devo ripetere che a me pare una forzatura irriguardosa della storia.
    Le classifiche su fatti cosi’ orribili le lascio ad altri.

  26. ciospo scrive:

    @ Attilio Fruci
    che mi dice del grande Boskov?

  27. ciospo scrive:

    @ G.M.
    cavolo, mi sono accorto che anche lei ha menzionato Boskov.
    Le perdonero’ molto d’ora in avanti!!

  28. tato tripodo scrive:

    ciospo in altri articoli grigorj ha nominato boskov. in uno ha pure detto che è l’unico pirla che poteva comprarsi l’arbitro per far vincere una coppa alla samp! diffidi!

  29. ciospo scrive:

    @G.M.
    se poi mi dice cosa disse di Gullit sono disposto a indulgenza plenaria.

  30. ciospo scrive:

    @ Tato Tripodo,
    mi dia una prova e G.M. e’ finito.

  31. tato tripodo scrive:

    :-) scherzavo g.m è una persona che stimo ! non direbbe queste cose! anche se siamo di vedute diverse!

  32. Un esule scrive:

    Negare i massacri di fascisti e no nel dopoguerra e’ antistorico. E se per i fascisti, almeno alcuni, esisteva una giustificazione per gli altri l’unica era la voglia di comunismo e lotta di classe. Che erano sbagliati a prescindere.

  33. Ciro scrive:

    @torquemada58 carissimo se vai a rivedere con maggiore attenzione potrai constatare che in quel periodo citato i Governi duravano in media 6 mesi e lo stesso presidente del consiglio quasi mai di seguito tra due governi.

  34. antizecche scrive:

    Dopo aver pasteggiato sotto il tavolo di B. adesso che vedono la fine della pacchia cominciano ad autoconcedersi medaglie da anti-berlusconisti!

    Sulle prime ammetteranno che sì, forse erano anti-berlusconisti che sbagliavano, ma di sentimenti sinceri. Più avanti invece le affinità con Travaglio e Santoro si faranno più fitte, e circostanziate.

  35. tato tripodo scrive:

    antizecche è stato morso.

  36. antizecche scrive:

    tato,

    non se n’abbia a male ma io rifuggo dai siparietti alla Belushi.

  37. tato tripodo scrive:

    antizecche
    Dopo aver pasteggiato sotto il tavolo di B. adesso che vedono la fine della pacchia cominciano ad autoconcedersi medaglie da anti-berlusconisti!
    io rifuggo da lei e da quelli come lei!
    non se ne abbia a male la prego!

  38. Ciro scrive:

    @torquemada58 carissimo non ci siamo proprio.

    Andreotti fu addirittura accusato e processato per l’omicidio di Mino Pecorelli che risale a 40 anni fa. Quindi è entrato nel tritacarne giudiziario quando Bettino era ancora adolescente.

    Berlusconi hai il sostegno della metà degli italiani come dimostrano da almeno 3 elezioni nazionali i risultati. E questo è un fatto inconfutabile a meno che non volete dire che trucca le elezioni, cosa impossibile perché sono altri a truccare i risultati elettorali.

  39. torquemada58 scrive:

    @ Ciro carissimo non ci siamo proprio

    Mino Pecorelli fu assassinato il 20 marzo 1979, il nome di Andreotti spunta fuori ufficialmente nel 1993, il 14 aprile dello stesso anno Andreotti viene iscritto nel registro degli indagati, il 29 luglio 1993 il Senato concede l’autorizzazione a procedere e il processo inizia formalmente l’11 aprile del 1996.

    Craxi ricevette il primo avviso di garanzia dalla Procura di Milano in data 15 dicembre 1992 e la prima condanna definitiva è del 12 novembre 1996.

    Riguardo poi alla seconda questione, gli italiani sono circa 60 milioni e Berlusconi non hai mai ottenuto 30 milioni di voti, gli aventi diritto al voto sono circa 47 milioni e Berlusconi non hai ottenuto 23 milioni di voti, alle ultime elezioni politiche i votanti sono stati circa 36 milioni e non mi pare che Berlusconi abbia ottenuto 18 milioni di voti, non ha il sostegno della metà degli italiani nemmeno considerando tutto il peso elettorale della coalizione che lo sostiene e dunque in nessun caso si può dire che Berlusconi ha avuto o ha il sostegno della metà degli italiani, Berlusconi al momento è semplicemente il leader del partito di maggioranza relativa e della coalizione che ha vinto le ultime elezioni.

  40. naranjaamarga scrive:

    C´é chi non ha interesse a vedere.

    Gli attacchi contro Berlusconi sono condotti dal sistema di apparati burocratici statali per mantenere il Paese alla “cultura” antecedente la caduta del Muro e proteggere il loro parassitismo che strozza i lavoratori, asfisia la economia e mantiene il Paese nella menzogna. Altro che chiacchiere!

  41. naranjaamarga scrive:

    Una guerra che Berlusconi o non Berlusconi continuerá con spietatezza e ferocia contro chiunque abbia l´ardire di mettere in discussione l´andazzo.

  42. tato tripodo scrive:

    la moratti ha vinto solo a Sucate!

Che ne pensi? Commenta!