Se Berlusconi risorgesse insieme a Renzi

Come il mitico uccello della leggenda, Berlusconi periodicamente risorge dopo la sua morte politica e si rigenera con rinnovato vigore. E’ già successo due volte nel 2001 e nel 2008 e costituisce una rarità fra i presidenti del Consiglio italiani, i quali si bruciano nell’arco di pochi anni, con l’eccezione dell’immarcescibile Andreotti.

Quando tutto sembrava perduto, costretto a lasciare il governo a furor di spread, ora, con acque più calme e a manovra lacrime e sangue approvata, il Berlusca torna a far capolino con un aumentato numero di consensi poichè, a posteriori, lo si giudica il meno peggio.

Sorge sempre più il sospetto che Monti dipenda dai voti del Pdl più che da quelli del Pd, diviso fra mille fazioni e in crisi di identità.

Berlusconi non lasciò il governo a cuor leggero; deve aver patteggiato la salvaguardia dei suoi averi e delle sue aziende, con la sicurezza che la patrimoniale, proposta e pretesa dalla sinistra e dai suoi alleati, non sarebbe mia stata discussa.

Constatiamo come di tutte le manovre possibili quella approvata, con la reintroduzione dell’Ici sulla prima casa, sia stata quella più penalizzante per i ceti medi e per chi campa a reddito fisso, senza che il Pdl abbia fatto una piega, né tentato un’opposizione pur blanda.

La riduzione di 50 euro per ogni figlio a carico fino ai 26 anni sembra la briciola lasciata al cane affamato e non allevia certo il peso del mutuo e di chi ha più figli a carico oltre i 26 anni, situazione diffusa, vista la disoccupazione cronica da cui sono afflitti i nostri giovani.

Altri provvedimenti maturano a spese del ceto medio, come la recente trovata di riordinare il sistemare  catastale, i cui appartamenti non sono più misurati a vani ma a superficie, anche se dicono che è a costo zero. Lo si vedrà fra qualche anno se sarà a costo zero, quando si troverà il sistema per unificare la tassa su vari servizi (monnezza, manutenzione della strade, Ici, ecc.ecc.) parametrandoli alle superfici di proprietà.

Siamo arrivati a questa situazione per problemi fra Pdl e Lega che, quando erano al potere, non riuscirono ad accordarsi per procedere alla risoluzione delle famose riforme. Il discorso, in verità, parte da lontano; fin dal primo governo Berlusconi, quando nel 1994 con una vittoria inaspettata i due partiti si trovarono al potere per la prima volta. Berlusconi era lanciato ed entusiasta, non ancora “politicizzato” ed aveva la volontà del neofita per cambiare qualcosa. Le possibilità c’erano tutte anche se il governo presentava ministri improvvisati.

Le pensioni andavano riformate a quell’epoca e, con altri accorgimenti, si perse un’ottima occasione per dare la svolta decisiva alle casse dello Stato. Si sa come andarono le cose con la sfiducia della Lega al governo di cui faceva parte.

Gli anni seguenti con i governi Prodi, D’Alema, Amato, Prodi e lo stesso Berlusconi, furono inconcludenti perchè si tirò a campare e non si affrontò nessuna riforma strutturale.

Ora sulla spinta dello scontento generale. Il Pdl riprende quota e Berlusconi affila le armi per riproporsi come futuro leader; l’incognita consiste nel capire con quale partito prenderà accordi. Escludendo la Lega che ha già dato prova, due volte, di inaffidabilità, l’alleato naturale sarebbe il Terzo polo, ma conosciamo le riserve e le bizze di Casini, l’inconsistenza dell’Api e la superficialità del Fli, privo di programma e di credibilità.

Lancio un’idea, che risulta una bestemmia  alla comune comprensione del buon senso: un accordo Berlusconi-Renzi. Sarebbe una rivoluzione epocale.

Se consideriamo, però, quanto dichiarato in questi ultimi tempi dall’esponente della vecchia Dc in seno al Pd, non è poi un’idea assurda. Renzi ha le idee chiare e si sente imprigionato fra la Bindi e la mancata promessa Letta; non vede l’ora di affrancarsi da un partito gretto, senza prospettive e destinato nel medio lungo periodo a  disfarsi. La base è disorientata ed una parte consistente potrebbe aderire ad una scissione che riformi un partito veramente democratico e liberale.

Quel diavolo del Cavaliere potrebbe, comunque, inventarsi qualcosa e risorgere per la terza volta.

Angelo Libranti

176 commenti a “Se Berlusconi risorgesse insieme a Renzi”

  1. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    AKI ARABIC | AKI ENGLISH | AKI ITALIANO | SALUTE | LABITALIA | WASHINGTON CHIAMA ROMA | MUSEI ON LINE | IMMEDIAPRESS
    Venerdì 1 Giugno 2012

    News > Politica > Fisco: Alfano, nuova ricetta economica, abolire Imu almeno per prima casa
    Fisco: Alfano, nuova ricetta economica, abolire Imu almeno per prima casa .

    ALLORA CI PONIAMO LA SEGUENTE DOMANDA : MA SE IL DEPUTATO ANGELINO ALFANO VUOLE ABOLIRE QUESTA INGIUSTA, INCOSTITUZIONALE E ILLEGALE VESSAZIONE, PER QUALE RAGIONE QUANDO IL GOVERNO MONTI L’ HA POSTA IN VOTAZIONE PRESSO LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA, ALFANO E TUTTO IL PDL L’HANNO VOTATA ?.

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

    ultimo aggiornamento: 01 giugno, ore 11:06

    Roma, 1 giu. (Adnkronos) – Stiamo preparando una nuova ricetta economica perche’ e’ da li’ che sobbiamo ripartire. Durante la riunione dell’assmblea dei gruppo del Pdl, Angelino Alfano avrebbe annunciato una nuova proposta sui temi economici.

  2. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    ECCO COME FANNO I PAESI SERI, I FRATELLI EGIZIANI HANNO DATO A TUTTO IL MONDO UNA GRANDE LEZIONE, PRENDIAMO ESEMPIO PER IL FUTURO……………………..

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

    Corriere della Sera > Esteri > Egitto, ergastolo per l’ex rais Mubarak Il giudice ordina il trasferimento in carcere
    PROCESSO ALL’EX RAIS
    Egitto, ergastolo per l’ex rais Mubarak
    Il giudice ordina il trasferimento in carcere
    Per avere ordinato di sparare sui manifestanti durante la rivoluzione. Scontri dopo la sentenza, 20 feriti

    MILANO – L’ex rais egiziano Hosni Mubarak è stato condannato all’ergastolo per avere ordinato di sparare sui manifestanti durante la rivoluzione. Il Tribunale del Cairo ha condannato, sempre all’ergastolo, anche l’ex ministro degli Interni Habib al-Adly all’ergastolo. Per lui l’accusa aveva chiesto la pena di morte. Anche l’ex ministro del regime di Hosni Mubarak doveva rispondere delle accuse di aver ordinato di sparare contro i manifestanti pacifici della rivoluzione del 25 gennaio. La corte d’assise del Cairo ha invece stabilito il non luogo a procedere per abuso di potere e corruzione nei confronti dell’ex rais egiziano Hosni Mubarak e dei suoi due figli Gamal el Ala, perchè i reati contestati risalgono a oltre dieci anni fa.

    Mi piace questo contenutoNon mi piace questo contenuto00Link:IN BARELLA – L’84enne ex Rais, come in altre occasioni, aveva fatto ingresso in aula in barella. Era giunto poco prima in elicottero dall’ospedale ove permane ricoverato. Hosni Mubarak è poi entrato nella gabbia degli imputati in attesa del verdetto. I due figli Gamal e Alaa sono rimasti in piedi davanti alla barella del padre. Immobile Mubarak alla lettura della sentenza a suo carico. Disteso su una barella, con lo sguardo coperto da occhiali da sole, l’ex raìs è apparso notevolmente dimagrito nelle immagini trasmesse dalla televisione di Stato egiziana e rilanciate dalle maggiori emittenti satellitari. Dopo la condanna il Procuratore generale ha ordinato il trasferimento in carcere dell’ex rais ma l’ex rais egiziano si sta rifiutando di scendere dall’elicottero che lo ha trasportato alla prigione di Tora.
    RISSA E FERITI – Una rissa è scoppiata nell’aula bunker dell’Accademia di polizia al Cairo subito dopo la sentenza di prescrizione per i reati di corruzione, abuso di potere di Hosni Mubarak e dei suoi due figli. Gli avvocati dell’accusa sono saliti sui tavoli del tribunale scandendo gli slogan «fuori, fuori» e «il popolo vuole che la magistratura sia ripulita». «La sentenza del popolo è la morte» recita invece uno dei cartelli alzati dai familiari delle vittime della Rivoluzione davanti al Tribunale penale del Cairo e che hanno contestato la sentenza. La polizia è intervenuta fuori e dentro l’aula per placare le contestazioni nei confronti della Corte che non ha accolto le richieste dell’accusa secondo cui l’ex raìs doveva essere condannato alla pena capitale. Alla fine ci sono stati venti feriti negli scontri tra forze dell’ordine e sostenitori e oppositori di Hosni Mubarak, dopo la lettura della sentenza nel processo all’ex rais egiziano. Lo riferiscono fonti giudiziarie, le quali affermano anche che finora sono quattro le persone arrestate.

    IN PIAZZA TAHRIR – E sono già parecchie centinaia i manifestanti che stanno affluendo a piazza Tahrir, luogo simbolo della caduta di Hosni Mubarak dopo la lettura della sentenza nei confronti dell’ex rais egiziano. La protesta è scattata soprattutto sulle assoluzioni dei collaboratori dell’ex ministro dell’Interno e il non luogo a procedere per corruzione nei confronti dei figli di Mubarak. Per molti è anche scottante la delusione che la Corte abbia deciso di condannare l’ex rais all’ergastolo e non alla pena di morte.

  3. ITALIANI STANCHI E INCAZZATI scrive:

    Secondo noi i nostri governanti e politici dovremo andarli a prendere a casa, insieme ai loro familiari portarli in una piazza capiente, metterli in ginocchio e sparargli una fucilata in testa e alla fine buttarli in una fossa comune.

  4. IL CARTELLO scrive:

    APPELLO A CHI DEVE COMPRENDERE E FARE: LE AGENZIE SONO QUELLE E SONO HITLERIANE, CHI BEFFA VUOLE BEFFARE MAGGIORMENTE, CHI HA CONCESSO A BEFFA DI BEFFARE TREMA TRA I MONTI, SARA’ NECESSARIO ANDARE A VEDERE E CENTRARE.

  5. IL CARTELLO scrive:

    VENNE IL PRODE E CI PORTO’ IL DENIER CHARLEMAGNE CHE SEMBRAVA SALVIFICO MA SI RIVELO’ MORTALE, DICONO CHE ORA IL PRODE SI NUTRA DI TROPPO SALUME DAL PORCO PROVENIENTE E SE CONSUMA TROPPO PORCO POTREBBE INQUINARE LO STIVALE E ALLORA NON SARA’ NECESSARIO ANDARE A VEDERE E DARE AL PRODE UNA ROBUSTA E DEFINITIVA MEDICINA ? CHE EGLI NON INQUINI PIU’ ?

  6. ITALIANI PURE NOI scrive:

    Monti, ancora più duri con evasione
    Presidente del Consiglio conferma linea dura anti-evasione
    05 giugno, 16:59

    (ANSA) – ROMA, 5 GIU – ”Siamo stati criticati per essere stati troppo duri sul fronte dell’evasione fiscale. Le assicuro che saremo ancora piu’ duri in futuro”: e’ quanto afferma il premier Mario Monti in una lunga intervista a Famiglia Cristiana.

    SI CERTAMENTE, CON I POVERI DISGRAZIATI AI QUALI HA TASSATO LA PRIMA CASA E MAGARI NON RIUSCIRANNO A PAGARE PERCHE’ NON HANNO I DENARI SUFFICIENTI, OPPURE A CHI NON RIESCE A PAGARE LA SPAZZATURA, SICURAMENTE METTERA’ QUELLA POVERA GENTE IN MEZZO AD UNA STRADA E INTANTO I 150.000.000.000 DI € ILLEGALMENTE ESPORTATI IN SVIZZERA STANNO BENE LI.

    COMPLIMENTI A MONTI, BERLUSCONI E BERSANI.

  7. ITALIANI PURE NOI scrive:

    Martedì, 5 giugno 2012 – 15:56:00
    Di Giuseppe Morello
    Immaginiamo una famiglia indebitata poiché spende più di quel che guadagna, e che faticosamente cerca di sopravvivere risparmiando su cibo, medicinali, abiti e vacanze. Come reagireste se scopriste che quella famiglia da un lato stringe la cinghia, ma dall’altro spende una parte importante del suo reddito per comprare e mantenere una Ferrari?
    L’Italia si comporta più o meno con la stessa schizofrenia, solo che al posto della Ferrari ci sono i cacciabombardieri F35, non uno ma novanta, che costano all’incirca come centomila “rosse” di Maranello. Come potete leggere su Affari, il nostro paese sta già spendendo (e continuerà negli anni) una quarantina di miliardi tra spese correnti, nuovi mezzi e missioni militari.
    Lungi da noi facili demagogie o pose da figli dei fiori: sappiamo bene che la difesa è un tema delicato e complesso che riguarda non solo la sicurezza, ma anche la nostra collocazione internazionale e diplomatica. E tuttavia non si capisce perché ci stiamo infliggendo grandi sacrifici, tagliando su pensioni, trasporti e sanità, e spendiamo una cifra così spropositata in armi. Fossimo una super-potenza, si capirebbe; avessimo qualche minaccia imminente alle porte, si giustificherebbe; ma alle attuali condizioni e visto il nostro peso nel mondo, sembra un’enormità.
    La piccola Italia con 90 cacciabombardieri è come un bambino di 5 anni che si comprasse 50 cravatte di seta. Che se ne fa?

    ADESSO ABBIAMO CAPITO……. MONTI HA DETTO CHE CON GLI EVASORI SARA’ ANCORA PIU’ DURO, SI FARA’ ALZARE IN VOLO QUEI CACCIABOMBARDIERI ( CHE PAGHEREMO LA SCIOCCHEZZUOLA DI 16.000.000.000 DI € ) CHE POSSONO PORTARE MISSILI CON TESTATA NUCLEARE SOTTO LE ALI E CI FARA’ BOMBARDARE LE CASE DEI POVERI DISGRAZIATI CHE NON HANNO PAGATO L’ IMU, CON I POVERI DISGRAZIATI DENTRO………I PROBLEMI VANNO ELIMINATI ALLA RADICE.

  8. IL CARTELLO scrive:

    VERTICE UE. BRUNETTA. MA QUALE VITTORIA? E’ UNA POLPETTA AVVELENATA

    .

    AGENPRESS – Per Renato Brunetta, coordinatore dei dipartimenti del Pdl. Sui risultati del vertice Ue, dice, “sarebbe opportuno evitare ingiustificati ottimismi e andare a leggere con attenzione le carte”.
    “Siamo di fronte a una possibile ‘polpetta avvelenata’. I Paesi che faranno ricorso a questi aiuti saranno sottoposti a una procedura costosa, in termini di immagine, credibilità e di nuovi inaccettabili sacrifici. Un vero e proprio commissariamento, l’esatto contrario di quello che chiedeva il nostro presidente Monti”.
    “Sul meccanismo proposto dal Presidente Monti per cui i Paesi che rispettano i parametri del Fiscal Compact (cd. Paesi ‘virtuosi’) possono chiedere e ottenere automaticamente aiuti dai fondi Salva-Stati per contenere l’aumento dei rendimenti sui titoli del debito pubblico, sia sul mercato primario sia sul mercato secondario, gravano pesanti riserve”, prosegue Brunetta.
    “Nonostante l’apertura dimostrata da Francia e Spagna, gli altri Paesi, Germania in primis, ma anche Olanda, Finlandia, Austria e Slovacchia, per dare la propria approvazione, hanno in mente qualcosa di diverso. E’ quanto emerge chiaramente dalle parole di Angela Merkel in conferenza stampa a Bruxelles:
    ‘La procedura sarà la seguente: sul Paese viene stilato un rapporto dalla Commissione Europea, poi verrà redatto un memorandum of understanding e successivamente ci sarà la vigilanza della Troika, come stabilito dai Trattati sui fondi salva-Stati. Esattamente quello che è stato fatto in Grecia. Nulla di nuovo, anzi siamo di fronte a una possibile ‘polpetta avvelenata’.
    I Paesi che faranno ricorso a questi aiuti saranno sottoposti a una procedura costosa, in termini di immagine, credibilità e di nuovi inaccettabili sacrifici. Un vero e proprio commissariamento, l’esatto contrario – è il ragionamento di Brunetta – di quello che chiedeva il nostro presidente Monti”.
    “Se la sua proposta era stata definita, giorni fa, paracetamolo finanziario (tachipirina), nei due giorni di vertice è stata ulteriormente declassata: tachipirina avvelenata”.

  9. ITALIANI STANCHI E INCAZZATI scrive:

    DISCONOSCIMENTO DELL’AUTORITA’ DEI “GOLPISTI”


Quanto detto e fatto in questi mesi da quegli assoluti infami e traditori della patria e della Costituzione, nonché di tutte le leggi internazionali…che rispondono ai nomi di Silvio Berlusconi, Mario Monti, Giorgio Napolitano, Visco, Draghi e svariati altri è degno delle miserie del più basso impero …… 

In un paese normale dove avessero valore le leggi questi due cialtroni e comparucci vari sarebbero immediatamente catturati, processati per direttissima e fucilati alla schiena. Costoro hanno stravolto ogni possibile legalità del pensiero, delle dichiarazioni e dell’azione…

Di fatto hanno :

a)    condotto l’Italia in guerra …. 

b)    senza nessuna dichiarazione di guerra…. 

c)    Senza aver riunito le camere e aver sottoposto il quesito al parlamento….. 

d)    senza che il presidente Napoletano lo controfirmasse.. 

e)    Senza che ve ne fosse la necessità….

f)    Contravvenendo al preciso ed ininterpretabile articolo costituzionale…..

g)    Senza il consenso della popolazione che è tutta palesemente contraria…..

h)    Esponendo la popolazione al rischio di eventuali ritorsioni.

E tutto questo dopo che Berlusconi aveva dichiarato che mai avrebbe intrapreso una diretta iniziativa di guerra contro la Libia…

Che dire…. Più evidente di così che : 

1)    questa non è una repubblica …… 
2)    meno che mai democratica;
3)    la legge non vi alberga più, se mai ci sia mai stata;
4)    questa è viceversa una “repubblica delle banane” dove chi comanda sta a Washington e la 
sua “DEPENDENCE” sta a Parigi;
5)    il parlamento non conta una ceppa e le decisioni (pure a livello locale) le prendono in tre o 
quattro;
6)    La Costituzione è solo un’ accogliazza   di parole in ordine sparso, che quando occorre le si 
ordina secondo il proprio tornaconto e viceversa quando non serve non conta nulla;
7)    Siamo comandati da una banda di canaglie, corrotte, dissolute, putrefatte, che stravolgono 
ogni conquista sociale, politica, morale civile degli ultimi duecento anni…..ad esclusivo ed inclusivo uso e consumo loro e dei loro padroni.

E ricordando qui solo “en passant” i 27 referendum vinti di cui solo 5 hanno trovato soluzione legislativa, quindi disattendendo completamente il dettato costituzionale che impone di legiferare in merito entro sei mesi dall’esito referendario… questo a sottolineare quanto valga per i nostri aguzzini l’espressione della “sovranità” popolare….

Se mai avessi avuto dei dubbi e da oltre un quarto di secolo non li abbiamo…. Ora proprio ce li hanno tolti di forza e quindi ….. almeno per quanto riguarda costoro,  abbiamo solo certezze indefettibili e conseguentemente …. A questo punto……

NOI NON RICONOSCIAMO PIU’ :

a)    LA LORO AUTORITA’ …… 

b)    LE LORO ISTITUZIONI …

c)    IL LORO GOVERNO….

d)    I MANETUNGOLI, NANI, BALLERINE, FUNAMBOLI, FAMIGLI, MASNADIERI, CARAMPANE VARIE….. E SIMIL- FUNZIONARI VARI DI OGNI ORDINE E GRADO CHE TOLLERANO QUESTO COLPO DI STATO PALESE E MANIFESTO…….. E NESSUNO DI COLORO DEPUTATI A CIO’ ……E’ INTERVENUTO A SANARE QUESTO VULNUS COSTITUZIONALE, GIURIDICO, POLITICO……. MORALE


Analisi sintetica dei fatti :

1)    Il Presidente della Repubblica ….. che (come abbiamo sopra ben visto),,, noi ….. e nessuno dei cittadini elettori si è mai sognato di eleggere a Presidente……. 

2)    Nomina senatore a vita un tizio per non si sa quale innominabile azione…. non eletto da nessuno…… (che è consulente e collaboratore della Goldman-Sachs da “illo tempore”…… e lo designa a capo del Governo !?!?!?!?!?

3)    il quale Tizio a sua volta nomina ministri degli emeriti personaggi da nessuno votato e meno che mai eletto, dove la volontà popolare e la sovranità dei cittadini proprio non ha avuto nessuna occasione per esprimersi… ed al contrario è stata spudoratamente beffata, raggirata e truffata.

4)    ed oggi ci ritroviamo dei perfetti usurpatori che nessuno ha votato, né eletto… a dirigere il paese a suon di frustate ai cittadini;

5)    personaggi che hanno violato ogni norma costituzionale e ogni linea di Diritto e ogni Sovranità popolare e che non hanno nessuna investitura popolare… e che sono in totale carenza di mandato istituzionale…

6)    e che in barba a tutte le norme, regolamenti, logica, Diritto, a partire da oggi hanno la ferma intenzione di prendere in futuro decisioni a scapito ed in danno del popolo;

7)    popolo che in una repubblica democratica e libera, come noi dovremmo essere, ha il titolo assoluto, imprescindibile, inequivocabile, inalienabile di sovranità sulle proprie decisioni.

8)    Sovranità che nessuno, neppure, e meno che mai, il Presidente della repubblica può sottrarre ai legittimi detentori …. Che sono soli e soltanto i CITTADINI.

9)    E che hanno tutta l’intenzione determinata e programmata da lungo tempo di mettere a ferro e fuoco la nazione ed abbandonarla dopo averla resa un cumulo di ceneri fumanti…

10)    E di fare razzia di ogni bene e risorsa con le varie puttanate delle “privatizzazioni”, dei pignoramenti operati da “Equitalia”, etc. insieme ai loro mandanti di sempre.. la grande finanza internazionale …. In danno di tutti noi cittadini….
Come si potrebbe chiamare una simile concatenazione di avvenimenti?????

Non so voi, noi tutto questo lo chiamiamo :

COLPO DI STATO

Da parte delle banche internazionali


Ma chi sono gli autori, almeno quelli manifesti?

Mario Monti – presidente del consiglio:

A) Dal 2010 è presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento “neoliberista” fondato nel 1973 da David Rockefeller 

B) è membro del comitato direttivo del Gruppo Bilderberg (molto chiacchierato gruppo di affaristi) e dato che le discussioni durante questa conferenza non sono mai registrate o riportate all’esterno, questi incontri sono stati oggetto di critiche ed anche oggetto di varie teorie del complotto.

C) al 2005 è international advisor per Goldman Sachs e precisamente membro del Research Advisory Council del Goldman Sachs Global Market Institute, presieduto dalla economista statunitense Abby Joseph Cohen…..etc., etc.;

Corrado Passera – Sviluppo Economica:
amministratore delegato di Banca Intesa,artefice dell’integrazione tra Banca Intesa e Sanpaolo IMI dando vita a Intesa Sanpaolo;

Elsa Fornero Lavoro e Pari Opportunità:
Vicepresidente del Consiglio di sorveglianza di Intesa San Paolo.  Vicepresidente della Compagnia di San Paolo. Membro della commissione di esperti valutatori presso la World Bank ;
Sposata all’economista Mario Deaglio Presidente del Consiglio di amministrazione di Consel SpA, società finanziaria a Torino, del Gruppo Banca Sella e partecipata da Alleanza Toro, fratello di Enrico Deaglio di “Lotta Continua”.

Piero Gnudi – ministro senza portafogli:
consigliere di amministrazione di Unicredito Italiano;

Fabrizio Barca – ministro senza portafogli per la Coesione territoriale
direttore di Area nel Servizio Studi della Banca d’Italia S.P.A., Capo del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione ….. poi al Tesoro con Carlo Azeglio Ciampi, dove ha diretto il dipartimento per le politiche territoriali di sviluppo. I

Piero Giarda socio di “ASTRID” e dell’Aspen Institute.

Francesco Profumo
Già membro del Consiglio di Amministrazione di Reply, di Fidia SpA, Unicredit Private Bank, il 12 aprile 2011 è stato nominato membro del Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia e ha svolto ruolo di Consigliere per Il Sole 24 Ore e per Pirelli.

Paola Severino 
Ha difeso, tra gli altri, Romano Prodi nel processo sulla vendita della Cirio, il legale della Fininvest Giovanni Acampora nel processo Imi-Sir, Francesco Gaetano Caltagirone nell’inchiesta di Perugia su Enimont, Cesare Geronzi pr il crac della Cirio
. Ha lavorato nello studio di Giovanni Maria Flick prima che il professore fosse nominato Guardasigilli del governo Prodi, ha rappresentato l’Unione delle comunità ebraiche nel processo al nazista Erich Priebke, e tra le società-colosso alle quali ha dato assistenza legale ci sono Eni e Telecom.
Di Benedetto, marito della più nota Paola Severino, l’ ex funzionario che diventò commissario Consob…. di Paolo Di Benedetto si sapeva solo che era amministratore delegato della società di gestione dei fondi di investimento delle Poste. Di Benedetto è dal marzo 2000 amministratore delegato di BancoPosta Fondi Sgr. Lo ha nominato l’ ex amministratore delegato delle Poste Corrado Passera. 

Il principale responsabile Napolitano, demolitore ed usurpatore, sorretto dalla casta dei giornalai, dei pennivendoli (ex di “Lotta Continua” e “Potere Operaio”, e dai vari TG, ha forzato I tempi della crisi, nominando senatore a vita Monti con il chiaro fine  di incaricare l’economista della Goldman Sachs e Della BCE alla guida del governo, ancor prima di aver consultato I partiti della maggioranza uscente e dell’opposizione. …….  

Questo sopra descritto è materia sufficiente ed abbondante per l’evidenza della flagranza dei fatti e dell’immediato arresto e incardimento del processo per direttissima…….

Ecco in aggiunta altri apporti di Paolo Barnard che faccio miei in “toto” e documentano tutte le fasi e sviluppi di questa infame e predefinita non-casuale concatenazione di eventi.

In dettaglio…
I golpisti finanziari che hanno terminato la nostra democrazia dopo 63 anni di vita sono stati condotti al Palazzo italiano da Mario Draghi e dal Group of Thirty. Ad attenderli dentro il Palazzo vi era Giorgio Napolitano, da 35 anni uomo di punta in Italia del Council on Foreign Relations degli USA e amico delle loro multinazionali, come da lui stesso dichiarato molti anni or sono su Business Week.

Si consideri quanto segue:

1) La sovranità legislativa italiana, quella economica ed esecutiva, già compromesse dai Trattati europei e dall’Euro (si legga Il Più Grande Crimine 2011), sono state terminate del tutto. Ciò è evidente persino nei titoli deli giornali di regime di questi giorni, non c’è bisogno di leggere Barnard o altri. 

2) Le misure di austerità (si legga la rapina della pubblica ricchezza e del futuro di milioni di famiglie italiane) attraverso un collasso pilotato dell’economia che tali misure portano senza dubbio  non hanno ora più ostacoli, e sono espressione del volere di poteri finanziari non eletti dagli italiani. Il Parlamento non ha avuto voce in capitolo, ha dovuto obbedire di corsa, cioè è stato esautorato di fatto da forze straniere nemiche del popolo italiano. 

3) Saranno decenni di sofferenze e lacrime e sangue per i cittadini, un impoverimento mai visto dal 1948 e tanti morti anzi tempo a causa della demolizione dei servizi. I punti 1, 2 e 3 formano i contenuti sufficienti per un’accusa di alto tradimento della patria da parte di Mario Draghi e di Giorgio Napolitano, e loro accoliti che devono essere incriminati e arrestati. 

Se pensate che questa sia retorica di un esagitato, si legga la letteratura economica americana sulla crisi dell’Eurozona per fugare ogni dubbio, e si visiti l’Irlanda o la Grecia, vittime prima di noi di questi golpisti. 

Questo è un colpo di Stato.

Mario Draghi è membro del Group of Thirty (GOT), dove la sua presenza segna il più scandaloso conflitto d’interessi della storia italiana, alla luce del disastro democratico che stiamo vivendo (prendano nota i demenziali travagliati dipietrosi che per anni sono corsi dietro al conflitto d’interessi del presunto ladro di polli e hanno ignorato quello dei veri ladri planetari). 

Il lavoro dell’eccellente Corporate Europe Observatory ha denunciato il GOT e ciò che vi accade. Fondato nel 1978, è una lobby dove impunemente i grandi banchieri si mischiano a pubblici funzionari di altissimo livello. 

Ecco i principali membri: Jacob A. Frenkel, di Jp Morgan Chase – Gerald Corrigan, Managing Director del Goldman Sachs Group – Jacques de Larosière, Presidente del Gruppo UE sulle risposte alla crisi finanziaria – William C. Dudley, ex Goldman Sachs oggi alla Federal Reserve di NY – Mervyn King, governatore della Banca Centrale d’Inghilterra – Lawrence Summers, ex ministro del Tesoro USA, oggi al Bilderberg Group – Jean-Claude Trichet, uno dei padri dell’Euro, ex governatore della BCE – David Walker Senior Advisor, Morgan Stanley International – Zhou Xiaochuan, governatore Banca Centrale Cinese – John Heimann, Istituto per la Stabilità Finanziaria – Shijuro Ogata, Vice Presidente, Commissione Trilaterale – inoltre vi sono passati Tommaso Padoa-Schioppa (ex Min. Finanze) e Timothy Geithner (attuale Min. Finanza USA). Ripeto: Draghi ne è membro oggi.

Cioè, in esso si mischiano i lobbisti della finanza bancaria più criminosa della Storia e i pubblici controllori delle medesime banche.

Mario Draghi arriva alla BCE fra il 31 ottobre e il primo novembre. 

Il colpo di Stato finanziario contro l’Italia si svolge nella settimana successiva, il governo eletto ne è spazzato via. 

Mario Draghi poteva fermare la mano degli speculatori golpisti semplicemente ordinando alla BCE di acquistare in massa i titoli di Stato italiani. 

Infatti tale acquisto avrebbe, per la legge basilare che li regola, abbassato drasticamente i tassi d’interesse di quei titoli, il cui schizzare in alto a livelli insostenibili stava portando l’Italia alla caduta nelle mani degli investitori golpisti. 

Essi sarebbero stati fermati, resi inermi di fronte al fatto che la BCE poteva senza problemi mantenere a un livello basso costante i tassi sui nostri titoli di Stato. Ma Mario Draghi siede alla BCE e non fa nulla. 

Non siate ingannati dalla giustificazione standard offerta per questo rifiuto di acquistare titoli italiani da parte della BCE. 

Vi diranno che le è proibito per statuto, FALSO ASSOLUTO : infatti clausole come la SMP Bond Purchases lo permettono, e anche le regole sulla stabilità finanziaria del trattato d Maastricht, come scritto di recente da Marshall Auerback e da altri. Draghi poteva (E DOVEVA) agire, eccome, E VOLUTAMENTE NON LO HA FATTO.

Da ora le elite finanziarie sono col loro aguzzino Mario Monti al governo a Palazzo Chigi. Fine della democrazia italiana. Comandano i mercati finanziari, non il Parlamento.

Tutto ciò è stato ampiamente discusso da Mario Draghi con i suoi camerati al Group of Thirty, secondo un copione che trapelava da anni sulle pagine della stampa finanziaria anglosassone. 
Silvio Berlusconi era stato avvistato più volte dell’esistenza di quel copione: “L’Italia ha problemi gravissimi, ha bisogno di una iniezione di libero mercato con riforme economiche neoliberali… fra cui ridurre le tasse, tagli all’impiego pubblico e alle pensioni, rafforzare il settore dei servizi privati, e rendere più facili i licenziamenti”, cioè esattamente quello che sta accadendo in queste ore nelle riforme che il golpe ci ha imposto, facendosi beffe, come già detto, del Parlamento non più sovrano. 

La prescrizione in corsivo è del Neoliberista fanatico Alberto Alesina nell’Aprile del 2006. Lo stessa anno in cui Draghi prendeva il comando della Banca d’Italia, dopo aver lasciato la banca d’investimento più criminosa del mondo, Goldman Sachs, in cui resse una posizione di comando nel settore Europa proprio mentre la Goldman aiutava la Grecia a truccare i propri conti pubblici nel 2002….. MOTIVO PER CUI DRAGHI È SOTTO INDAGINE DELLA GUARDIA DI FINANZA PER AVER EVASO TASSE PER SEICENTO MILIONI DI EURO DAL 2002 AL 2005 APPUNTO.. 

Draghi mentì negando di essere stato in carica a Golman Sachs nei mesi della truffa, ma fu successivamente smascherato dalle audizioni del Senato USA.

Le conseguenze sociali, le sofferenze per milioni di italiani per decenni, la scure che si abbatte sul futuro dei nostri piccoli, sui pochi preziosi anni che rimangono agli anziani indigenti, sull’ambiente, e sulla democrazia, saranno tragici. Nell’ordine di migliaia di volte peggiori di qualsiasi danno le mafie regionali abbiano mai potuto infliggere all’Italia, e col certo pericolo di prostrarla per intere generazioni. 

Alla luce di tutto ciò, e mentre si fatica a non emigrare di fronte all’idiozia epica di masse di italiani che festeggiano l’arrivo dei golpisti…. chiedere l’incriminazione e l’arresto per alto tradimento di Mario Draghi, di Giorgio Napoletano e manutengoli è il minimo dovere di ogni cittadino. 

Come vogliamo valutare e considerare dei farabutti che hanno violato impunemente tutti questi articoli costituzionali???. :

241 Attentato contro l’integrità l’indipendenza e l’unità dello Stato;
243 Intelligenze con lo straniero a scopo di guerra contro lo Stato italiano;
246 Corruzione del cittadino da parte dello straniero;
264 Infedeltà in affari di Stato (art.264 c.p.);
283 Attentato contro la Costituzione dello Stato;
287 Usurpazione di potere politico o comando militare;
294 Attentati contro i diritti politici del cittadino;
ed in particolare agli artt. 283, 287 e 294.

In conclusione e ribadendo ….E’ mai possibile che in un Paese che si dichiara democratico…..
e in cui il Potere e la Sovranità sono in capo esclusivo del cittadino ……

a)    ci sia un tizio, dal passato molto chiacchierato che si chiama Presidente della Repubblica che i Cittadini non ha mai votato e meno che mai ha eletto che…..

b)    a sua volta nomina un emerito “sconosciuto” che nessuno ha mai votato, né eletto..

c)    Il quale usurpatore  a sua volta convoca una combriccola e consorteria varia per la maggior parte sotto contratto delle banche sia nazionali che internazionali …. ed incarica questi ceffi in un momento transizione epocale come questo di decidere le sorti e di prendere decisioni di lacrime e sangue sulla pelle dei CITTADINI ITALIANI, che mai si sono sognati né di votarli, né di eleggerli, né di incaricarli… ma a cui per di più, colmo della beffa,  devono pagare un profumatissimo stipendio.

Questo è semplicemente folle….. oltre che incostituzionale, (vedere artt.61 – 87 – 88 – 90).
NOI QUI ED ORA FORMALMENTE DICHIARIAMO


A)    DI DISCONOSCERE OGNI AUTORITÀ ED AUTOREVOLEZZA A QUALUNQUE DEI PARTECIPANTI AL “GOVERNO” PRESIEDUTO DAL NOTO ED ASSEVERATO DELINQUENTE DI “ALTO BORDO” RISPONDENTE AL NOME DI “MARIO MONTI”;

B)    DI DISCONOSCERE OGNI AUTORITÀ ED AUTOREVOLEZZA A QUALUNQUE DEI PARTECIPANTI AL FESTINO FUNEBRE IN ONORE DI ITALIA A PARTIRE DAL COSIDDETTO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA FINO ALL’ULTIMO DEI POLIZIOTTI…

C)    CHE NON RICONOSCIAMO COME NOSTRO, RIFIUTIAMO E RIPUDIAMO QUESTO STATO FANTOCCIO INSEDIATO CON LA FORZA DAL VATICANO E DALLE MULTINAZIONALI DELLA FINANZA….

D)    CHE INVECE CONSIDERIAMO COME CONFACENTE ALL’INVASIONE DELLA GRANDE FINANZA INTERNAZIONALE E QUINDI OSTEGGIAMO CON OGNI NOSTRA ENERGIA E CONVINZIONE…

E)    DI SENTIRCI ESENTATI DAL MANTENIMENTO ATTRAVERSO QUALUNQUE TIPO DI TRIBUTO FISCALE A QUESTO “STATO”….

F)    CHE FAREMO DI TUTTO (PER QUANTO CI PERMETTE LA NOSTRA COSCIENZA) PER FAR TERMINARE AL PIÙ PRESTO QUESTA INFAME USURPAZIONE DI DIRITTI E DEL “DIRITTO”

G)    CHE, COME EMERSO PIÙ VOLTE NEI DISCORSI DEI PIÙ GRANDI STATISTI… QUALI ROBESPIERRE, ALDO MORO, GIUSEPPE DOSSETTI ED ALTRI… RIAFFERMIAMO A TUTTI CHE QUANDO UNO STATO NON TUTELA I PRIMARI INTERESSI DEI CITTADINI… QUELLO STATO È UN NEMICO DEI CITTADINI E VÀ ABBATTUTO E RIPRISTINATA LA LEGALITÀ.

H)    INFINE CHE OLTRE A CHIEDERE PENALMENTE RAGIONE DELLE LORO RESPONSABILITÀ, CHIEDEREMO  IL RISARCIMENTO DELL’INGENTE ED IMMANE DANNO MORALE ED ESISTENZIALE CAGIONATO DAI RESPONSABILI ALLO STATO E AI CITTADINI.

  10. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    La Lettera che pubblichiamo di seguito, è una missiva che l’ allora Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio BERLUSCONI, inviò in DATA 1 OTTOBRE 2008 in occasione del 18° CONVEGNO dei Legali di CONFEDILIZIA al Presidente Confederale della detta Organizzazione ed al Presidente Nazionale, L’ Avvocato Dott. Corrado SFORZA FOGLIANI.

    Il contenuto della lettera si sostanzia , nell’ impegno con CONFEDILIZIA nella FORMAZIONE del CATASTO REDDITUALE, oltre a vari altri impegni volti a favorire l’ Istituto della LOCAZIONE.

    Detta missiva, riporta FEDELMENTE e PEDISSEQUAMENTE, il pensiero, l’ intenzione concreta e la trasposizione nel PROGRAMMA ELETTORALE dell’ ex Presidente Silvio BERLUSCONI e noi la postiamo su questo BLOG ESATTAMENTE e FEDELMENTE.

    CATASTO REDDITUALE IN PRIMIS.

    Impegno del PdL. Insieme al rilancio degli affitti.

    Lettera del Premier Silvio BERLUSCONI al 18° Convegno dei Legali di CONFEDILIZIA: MERCOLEDI 1 OTTOBRE 2008.

    Testo del Messaggio inviato dal Presidente del Consiglio Silvio BERLUSCONI, al Presidente Confederale di CONFEDILIZIA, in occasione del Convegno Nazionale del Coordinamento Legali della CONFEDILIZIA.

    Caro Presidente, desidero inviare per Suo tramite un saluto e un augurio a tutti i partecipanti al 18° Convegno dei Legali della Confedilizia, organizzazione che ho avuto modo di apprezzare più volte,
    anche in occasione dei nostri incontri. L’ impegno che abbiamo preso con Confedilizia, insieme al Presidente Fini, per la formazione di un CATASTO REDDITUALE, basato sui REDDITI REALI perché censiti direttamente sul territorio, rimane un punto fermo del PROGRAMMA del POPOLO DELLA LIBERTA’ ed è parte integrante del nostro impegno per una tassazione dell’ immobiliare equa e COSTITUZIONALMENTE corretta.

    Un impegno che manterremo, abbandonando ogni PROGETTO di CATASTO PATRIMONIALE portato avanti con la nostra opposizione, dal precedente Governo.

    Così come abbandoneremo, anche in esecuzione della Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio ottenuta dalla sua organizzazione, il progetto dell’ esecutivo che ci ha preceduto di affidare ai COMUNI la determinazione dell’ ESTIMO dei singoli immobili.

    Il nostro PROGRAMMA ELETTORALE prevede anche la graduale introduzione della tassazione separata dei REDDITI da LOCAZIONE. E’ un punto FONDAMENTALE.

    Il PIANO CASA che abbiamo già approvato in PARLAMENTO, tra gli obiettivi, si propone di attenuare le tensioni del mercato LOCATIVO a favore delle classi meno agiate e, quindi di evitare la reiterazione del blocco delle esecuzioni di rilascio.

    Ma vogliamo fare di più: rilanciare, insieme alla proprietà edilizia, anche il mercato della LOCAZIONE, per assicurare la mobilità sul territorio delle forze di lavoro, dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, dei giovani e soprattutto degli studenti.

    Per raggiungere questo obiettivo serve in primo luogo l’ impegno degli Enti Locali, che dovranno adeguare opportunamente le ALIQUOTE I.C.I. sulle abitazioni date in locazione.

    Anche il Governo farà la sua parte. Compatibilmente con il bilancio pubblico, pensiamo all’ istituzione della cedolare secca per i contratti di locazione agevolati, dove il canone è concordato tra le organizzazioni della proprietà edilizia e degli inquilini.

    La proprietà immobiliare, che CONFEDILIZIA rappresenta, è una grande forza, non solo economica. Lo è anche per i valori di LIBERTA’ e di INDIPENDENZA che custodisce e tramanda.

    Saremo sempre al vostro fianco.

    Silvio BERLUSCONI.
    ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

    In relazione a quanto scritto dall’ex Presidente del Consiglio dei MInistri Silvio BERLUSCONI al Presidente di CONFEDILIZIA Avvocato Dott. Corrado SFORZA FOGLIANI, esplicitando chiaramente ed inquivocabilmente il proprio impegno alla FORMAZIONE del CATASTO REDDITUALE, noi postiamo il nostro PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE, invitando tutti gli ITALIANI a recarsi alle urne e CONCEDERE il proprio voto SOLO ed ESLUSIVAMENTE a quello schieramento politico che porrà nel proprio PROGRAMMA la FORMAZIONE del CATASTO REDDITUALE.

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

    Nota a margine: Rammentiamo che quando sarà il ” MOMENTO OPPORTUNO ” renderemo di PUBBLICO DOMINIO due DOCUMENTI contenenti GRAVI AFFERMAZIONI, fatte da una PARLAMENTARE del POPOLO DELLA LIBERTA’ al nostro MOVIMENTO ed il secondo fatte da un Consigliere Comunale e Vice Presidente del Consiglio Comunale di una piccola Cittadina Umbra nel corso di un consiglio comunale, che noi abbiamo trovato in rete, ripreso e conservato.

    =======================================

    PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE DEL MOVIMENTO DI OPINIONE “ ROBIN DI SHERWOOD “.
    PREMESSA: Il Governo MONTI, all’ atto del proprio insediamento, ha ripristinato la TASSAZIONE IMMOBILIARE, con un’ IMPOSTA, chiamata IMPOSTA MUNICIPALE UNICA O IMU, esentandone dal pagamento le FONDAZIONI BANCARIE, ora se STATO ed Enti Locali, possono fare a meno di un’ Imposta Immobiliare, a nostro modesto modo di vedere, possono tranquillamente e benissimamente PRIVARSI della medesima Imposta che è stata fatta gravare sulla PROPRIETA’ IMMOBILIARE INDIVIDUALE DEI CITTADINI, ED A TAL RIGUARDO E FINE PRESENTA IL PROGETTO DI LEGGE DI REVISIONE DELLA FISCALITA’ IMMOBILIARE COSI’ COME SVILUPPATO ED ARTICOLATO NEI PUNTI A SEGUIRE.
    L’ IMPOSTA MUNICIPALE UNICA, più comunemente chiamata I.M.U. ai sensi e per gli effetti dell’ ART. 31 e 42 della COSTITUZIONE ITALIANA si evidenzia quale VIOLAZIONE dei citati e perciò stesso è PALESEMENTE INCOSTITUZIONALE, quindi ILLEGITTIMA e conseguentemente ILLEGALE ancorché la CORTE COSTITUZIONALE LO STIA COLPEVOLMENTE IGNORANDO e la ex maggioranza di Governo, nella stessa misura e responsabilità la abbia votata.
    A.) In relazione a quanto precede il LEGISLATORE entro i primi 100 giorni dell’ Anno 2013 cancellerà L’ I.M.U. , la LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE SARA’ RIVISTA E CORRETTA COME SEGUE, se questo primo punto non sarà pienamente e integralmente accolto il MOVIMENTO DI OPINIONE “ROBIN DI SHERWOOD” seguiterà a diffondere con ogni mezzo in tutto il territorio ITALIANO messaggi tali da essere definiti “ RAPPRESAGLIA ELETTORALE “ .
    1.) Dal momento in cui L’ I.M.U. sarà cancellata gli Enti Locali non avranno più alcuna POTESTA’ IMPOSITIVA, sarà lo STATO a provvedere a versare il denaro agli stessi nelle MISURE e nelle FORME che seguono, in relazione al punto 1.) si avvisa che lo stesso è INDISCUTIBILE e NON SOGGETTO ad alcun NEGOZIATO che la non INTEGRALE OSSERVANZA di questo provvedimento darà luogo, da parte del MOVIMENTO a RAPPRESAGLIA ELETTORALE.
    2.) Sulla casa d’abitazione ( PRIMA CASA ) e sull’autovettura in uso alla FAMIGLIA non sarà applicata alcuna forma di tassazione ( così come accade nel sistema fiscale vigente in AUSTRALIA ) la non integrale osservanza del punto 2.) provocherà la “ RAPPRESAGLIA
    ELETTORALE “;
    3.) La seconda casa utilizzata dalla FAMIGLIA NON SARA’ ASSOGGETTATA AD ALCUNA TASSAZIONE la non integrale osservanza del punto 3.) provocherà la “ RAPPRESAGLIA ELETTORALE “;
    4.) Ove vi sia il possesso di un numero di immobili superiore a 2 (due) ovvero da 3 (tre) in poi
    e da tale possesso scaturisca un REDDITO ( AFFITTO ) in questo caso detto reddito verrà assoggettato a TASSAZIONE IRPEF per una PERCENTUALE ADEGUATA E NON VESSATORIA e comunque non superiore al 2% del REDDITO conseguito, lo STATO provvederà a ridistribuire una percentuale della ALIQUOTA IRPEF di detta TASSAZIONE agli Enti Locali, la non osservanza del punto 4.) provocherà la “ RAPPRESAGLIA ELETTORALE “;
    5.) Si procederà entro i primi ( 100 ) cento giorni dall’ insediamento del GOVERNO alla revisione e modifica dell’ Art. 42 della COSTITUZIONE ITALIANA, aggiungendo la seguente dicitura: GLI IMMOBILI UTILIZZATI DALLA FAMIGLIA QUALE CASA D’ ABITAZIONE E SECONDA CASA NON AFFITTATA E QUINDI NON PRODUCENTE ALCUN REDDITO NON POTRANNO ESSERE ASSOGGETATE AD ALCUNA TASSAZIONE;
    6.) Si procederà entro i primi ( 100 ) cento giorni alla REVISIONE E TRASFORMAZIONE DEL CATASTO, DALLA ATTUALE IBRIDA E NON CHIARA FORMA, ALLA FORMA DI ” CATASTO REDDITUALE ”
    7.) TUTTI I PUNTI DA NOI INDICATI, DOVRANNO ESSERE INSERITI CHIARAMENTE, FEDELMENTE E PEDISSEQUAMENTE NEL PROGRAMMA DI GOVERNO E PRESENTATI NEL CORSO DI UNA TRASMISSIONE TELEVISIVA A LIVELLO NAZIONALE, IN PRIMA SERATA, CON LA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA CONFEDILIZIA AVVOCATO DOTTOR CORRADO SFORZA FOGLIANI, AL QUALE IL DETTO PROGRAMMA DOVRA’ ESSERE CONSEGNATO E LO STESSO SARA’ GARANTE DELL’ IMPEGNO DA PARTE DELLA PARTE POLITICA CHE SI CANDIDA.
    RIEPILOGO: I punti dalla Lettera A ed a seguire i punti nrr. 1,2,3,4, 5,6,7 il MOVIMENTO DI OPINIONE “ ROBIN DI SHERWOOD “ li considera NON SOGGETTI AD ALCUNA TRATTATIVA E PERTANTO INDISCUTIBILI, SOGGETTI A PIENA E PEDISSEQUA ACCETTAZIONE ED OSSERVANZA DA PARTE DEL LEGISLATORE, LA NON TOTALE OSSERVANZA ANCHE DI UNO SOLO DEI CITATI PUNTI PROVOCHERA’ DA PARTE DEL MOVIMENTO LA “ RAPPRESAGLIA ELETTORALE “
    F/TO
    IL MOVIMENTO DI OPINIONE
    Robin di SHERWOOD

  11. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    Comunichiamo agli ITALIANI ed in particolare agli amici delle Radio Locali , il cui APPORTO è PREZIOSISSIMO ed a tal riguardo rivolgiamo un particolare e SENTITO ringraziamento agli amici di RADIO AMORE NAPOLI che fin dal primo momento si sono adoperati alla promozione della causa della GIUSTIZIA SOCIALE, di essere in contatto con un NOTO Politico ITALIANO, che ci ha scritto, di aver ricevuto il nostro PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE ( peraltro scusandosi per il ritardo nel rispondere ) e di aver trasmesso al responsabile ECONOMIA del suo Partito, presso la COMMISSIONE BILANCIO della CAMERA DEI DEPUTATI,il detto PROGETTO, lo abbiamo ringraziato ( perchè così vuole la buona creanza ) ma lo abbiamo avvisato ( sempre con educazione e moderazione ) che restiamo in attesa di comunicazioni del ” RESPONSABILE ” ma che non recederemo di un millimetro rispetto ad ogni singolo punto che abbiamo indicato nel testo e pertanto per essere brevi e chiari PRENDERE O LASCIARE.

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

  12. Gimand scrive:

    E se, invece, Berlusconi risorgesse insieme a Monti?
    Pensateci bene. Siete così sicuri che il “cambio della guardia” a Palazzo Chigi, non sia, invece, stato altro che un passaggio di testimone in una staffetta?
    Il resto è stato tutto un gioco delle parti.
    Un “gioco” molto sofisticato (probabilmente non è stato partorito solo dalla mente del Cavaliere), ma che ha tratto in inganno (quasi) tutti.
    In primis Bersani, il quale solamente adesso si sta rendendo conto in quale trappolone è andato a cacciarsi. Un trappolone predisposto dal PD contro il Cav. e nel quale è caduto lo stesso PD.

  13. Gimand scrive:

    Guardate questa foto “storica”: vi sembra quella del Berluska, la faccia di uno cui è stata sottratta la poltrona da sotto al sedere? Vi sembra la faccia di qualcuno che sta facendo buon viso a cattivo gioco?
    Vi sembra (quella di Monti) la faccia di qualcuno che sta vivendo il momento più bello della sua vita?
    .
    http://www.federazionedellasinistra.com/federazione/wp-content/uploads/2012/08/i1_articoli3802.jpg
    .
    http://www.ilsussidiario.net/img/IMAGOECONOMICA2/BerlusconiMontiPassaggioR400.jpg
    .
    Spesso, si sa, le apparenze ingannano. Però, in questo caso, le apparenze nascondono dei trappoloni. E in questo trappolone a caderci giurerei che NON sia stato il Cavaliere.

  14. silvio36 scrive:

    Geniale Gimand!

    E con questa furbata Berlusconi è passato dal 35 al 18%! Ancora una trovata così e passerà allo 0%. Sai che dolori per il PD! Che trappolone per Bersani! A furia di mangiare bambini i comunisti si sono rimbecilliti del tutto.

  15. Gimand scrive:

    Silvio36
    Certo, i numeri dei sondaggi lasciano il tempo che trovano. Pensa, ad esempio, che Grillo in pochi giorni è riuscito a passare dal 15% al…prefisso telefonico. E tutto questo per un’intervista “fuori onda”?

  16. tato tripodo scrive:

    il calo dei consensi di berlusconi non è legato alla scelta di Monti ma al tentativo ben riuscito di addebbitare tutte le responsabilità della crisi al pdl e a berlusconi in particolare. Monti poi ha dimostrato che in realtà le cose non stavano esattamente così e che la credibilità del paese non era legata al bunga bunga ma all’incapacità della politica di fare sistema contro la crisi

  17. Gimand scrive:

    Giusto Tato,
    Ed in un’ipotetica campagna elettorale in cui il PDL tirerà la volata a Monti, voglio proprio vederlo il Bersanino sparare palle incatenate contro Monti, che ha sostenuto al Governo fino a pochi giorni prima.
    Ci sarà da farsela addosso dalle risate.

  18. tato tripodo scrive:

    per gli amanti della poesia e per restare nel tema

    Foeda est in coitu et brevis voluptas
    et taedet Veneris statim peractae.
    Non ergo ut pecudes libidinosae
    caeci protinus siiruamus illuc:
    nam languescit amor peritque flamma.
    Sed sic sic niene fine feriati
    et tecum iaceamus osculantes.
    Hic nullus labor est rubirque nullus:
    hoc iuvit, iuvat et diiu iuvabit.
    hoc non deficit incipitque semper.

  19. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    Siamo in possesso di due ” DOCUMENTI ” di gente del PdL che ha cantato a ruota libera e che come più volte abbiamo anticipato renderemo di pubblico dominio, quei documenti affosseranno definitivamente BERLUSCONI ed il Popolo della Libertà ( se la sono cercata loro e per la seconda volta ) ma non spianeranno la strada a BERSANI, perchè in parte di questa faccenda è coinvolto anche lui e il suo PD e parliamo della RIFORMA PENSIONISTICA della quale una Parlamentare del PdL, la stessa che imprudentemente ci ha rilasciato una serie di dichiarazioni dice essere……. e riferiamo TESTUALMENTE e per ora solo questo passaggio una BUFALA servita solo a dare un SEGNALE all’ EUROPA, attendete e abbiate fede……..ci sarà da ridere…………

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

    Nota a margine: Vi aggiorneremo sugli sviluppi della faccenda PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE, attendiamo la risposta di quello che qualche anno fa mandò a dire a BERLUSCONI…….. ” IO A QUELLO LO SFASCIO “

  20. silvio36 scrive:

    Gimand,

    meglio, molto meglio quando vesti i panni di Superciuck, lo sbevazzone. Lui è più lucido di te.

    Tanti saluti alla prostata.

  21. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    QUESTO E’ UN ESPERIMENTO IN SCALA RIDOTTA ( OVVIAMENTE ) DI QUELLO CHE I COSIDETTI POTERI FORTI TIPO STANDARD & POOR AI QUALI MARIO MONTI RISPONDE E OBBEDISCE ESSENDO UN LORO DIPENDENTE, VORREBBERO FARE ANCHE NEL NOSTRO PAESE, PIANO PIANO SI STA CONCRETIZZANDO QUEL CHE VEDEVAMO NEI FAMOSI FILM DI ROBOCOP, DOVE IN UNA IMMAGINARIA CITTA’ AMERICANA L’ ORDINE PUBBLICO LO GESTIVA UNA MULTINAZIONALE CHE NON SI FACEVA SCRUPOLO PER OTTENERE I PROPRI INTERESSI ECONOMICO/POLITICI DI CAMMINARE SUI CADAVERI DELLA GENTE, SEMBRA FANTAPOLITICA O ROBA CHE PUO’ ACCADERE SOLO NELLA FINZIONE CINEMATOGRAFICA, I LIBRI DI JIULES VERNE ALL’ EPOCA ERANO SOLO FANTASIA, MA SULLA LUNA L’ UOMO C’ E’ ARRIVATO, IN HONDURAS STA ACCADENDO……… SVEGLIAMOCI GENTE.

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

    Honduras, nascono le città ‘private’ gestite da multinazionali Usa

    ultimo aggiornamento: 08 settembre, ore 15:51
    Tegucigalpa – (Adnkronos/WashingtonPost) – Saranno tre e avranno legislazione autonoma su ordine pubblico e tasse. L’esperimento del gruppo d’investitori statunitense Mgk, che stanzierà 15 milioni di dollari per porre le basi del progetto, avrà luogo vicino Puerto Castilla

    Tegucigalpa, 8 set. (Adnkronos/WashingtonPost) – Città “private”, con leggi autonome in materia di ordine pubblico, amministrazione e sistema fiscale, “create” per favorire lo sviluppo dell’Honduras. L’esperimento del gruppo d’investitori statunitense Mgk, che stanzierà 15 milioni di dollari per porre le basi del progetto, avrà luogo vicino Puerto Castilla, sul versante caraibico del Paese. Qui sorgerà la prima delle tre “città artificiali”, che seguirà solo in parte l’ordinamento legislativo honduregno.

    La città “privata”, scrive infatti il Washington Post, sarà inizialmente amministrata da un team di “nove membri indipendenti”. Solo in un secondo momento i cittadini interverranno con il voto nelle decisioni amministrative, che potranno riguardare tra l’altro anche la firma di propri accordi internazionali sul commercio e autonome politiche di immigrazione. “Il futuro ricorderà questo momento come il giorno in cui l’Honduras è diventato un Paese sviluppato”, ha dichiarato Michael Strong, Ceo della Mgk dopo che il Congresso honduregno ha dato il via all’esperimento.

    Non manca, tuttavia, chi si oppone all’iniziativa. Il popolo indigeno dei Garifuna e alcuni gruppi civici di Puerto Castilla hanno manifestato la loro ferma opposizione al progetto. Oscar Cruz, un ex procuratore costituzionale, ha presentato istanza alla Corte Suprema definendo l’idea delle città privatizzate incostituzionale e “una catastrofe per l’Honduras”.

    Secondo le stime presentate dal presidente del Congresso honduregno, Juan Hernandez, la “città modello”, che sorgerà dopo l’autorizzazione definitiva del governo agli investimenti sulle infrastrutture, creerà 5.000 posti di lavoro nei primi sei mesi e 200.000 opportunità avorative nel futuro. Dopo Puerto Castilla, gli altri due “siti privatizzati” sorgeranno rispettivamente nella Sula Valley e nel sud del Paese.

  22. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    STIAMO LAVORANDO PER L’ ITALIA E PER CHI CON ENORMI ED INDICIBILI SACRIFICI SI E’ PROCURATO UN TETTO PER RIPARARSI DALLE INTEMPERIE, ABBIAMO MANDATO AL DIAVOLO L’ ON. BORGHESI DELL’ ITALIA DEI VALORI, PERCHE’ AVEVAMO SCRITTO A TALE SCHIERAMENTO POLITICO E GLI AVEVAMO INVIATO IL NOSTRO PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE, CI AVEVA RISPOSTO ANTONIO DI PIETRO, INFORMANDOCI CHE AVEVA TRASMESSO IL DETTO PROGETTO ALL’ ON. BORGHESI, MEMBRO DELLA COMMISSIONE BILANCIO DELA CAMERA DEI DEPUTATI, L’ ON. BORGHESI CI HA SCRITTO, RISPONDENDO CHE NON E’ ABITUDINE DELL’ ITALIA DEI VALORI ACCOGLIERE SUGGERIMENTI E/O PROPOSTE PROVENIENTI DALL’ ESTERNO DEL PARTITO, MA CHE LE PROPOSTE LE FANNO LORO E SI CONFRONTANO [ NON CI HA PERO' SPIEGATO QUALI SONO I SOGGETTI CON I QUALI SI CONFRONTANO ], GLI ABBIAMO RISPOSTO CON TATTO E GARBO, CHE NOI RISPETTIAMO L’ ALTRUI MODO DI VEDERE E DI AGIRE, MA CHE NOI E CHI CI SEGUE SIAMO IL POPOLO SOVRANO E CONTEMPORANEAMENTE ANCHE L’ ELETTORATO E CHE STANDO COSI’ LE COSE, LUI E COLORO CON I QUALI SI CONFRONTA AVREBBERO POTUTO CONTINUARE A FARE LE PROPRIE PROPOSTE E CONFRONTARSI, MA NEL FRATTEMPO IL MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD E TUTTI COLORO CHE LO SEGUONO, AVREBBERO FATTO UN GIRO D’ ORIZZONE [ E LO STIAMO FACENDO E ABBIAMO GIA' CONTATTATO UN MOVIMENTO DI RECENTE FORMAZIONE MA GIA' BEN RADICATO SUL TERRITORIO ITALIANO CON SEDI E RESPONSABILI, CHE HA ACCOLTO FAVOREVOLMENTE IL NOSTRO PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE ] COME DETTO, STIAMO LAVORANDO PER CREARE LE CONDIZIONI PER UN INCONTRO DI LIVELLO, DEL QUALE AL MOMENTO PER SCARAMANZIA NON RIVELIAMO I DETTAGLI, MA SE VA IN PORTO CAMBIERA’ LE REGOLE DELLA FISCALITA’ IMMOBILIARE.

    F/TO

    IL MOVIMENTO DI OPINIONE

    Robin di SHERWOOD

  23. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    “Abolire l’Imu non è oggi a portata di mano, non è realizzabile ed è inutile dirlo. La Comunità internazionale ci punirebbe immediatamente e si dovrebbe fare subito marcia indietro”: così il ministro del Lavoro Elsa Fornero a Ballarò.
    Allora è vero quel che dice in una DICHIARAZIONE [ in nostro possesso ] fatta da un Consigliere Comunale di una piccola Cittadina UMBRA di area PdL, nel corso di un Consiglio Comunale, il quale afferma [ RIPORTIAMO PAROLE PRONUNCIATE DAL DETTO CONSIGLIERE ] che L’ Imposta Comunale Unica è una TASSA voluta dai POTERI FORTI STRANIERI.

    Al ” MOMENTO OPPORTUNO come abbiamo più volte scritto renderemo di PUBBLICO DOMINIO sia la DICHIARAZIONE in parola, che quelle che ci ha rilasciato [ SU NOSTRA PROVOCAZIONE ] una Parlamentare del PdL tra Novembre e Dicembre 2011, dopodichè ogniuno dovrà assumersi le proprie RESPONSABILITA’ dinnanzi alla PUBBLICA OPINIONE e se del caso dell’ AUTORITA’ GIUDIZIARIA.

  24. tato tripodo scrive:

    chiedo alla direzione di bannare colui che impropriamente ha usato il mio nome e cognome
    grazie

  25. tato tripodo scrive:

    cara redazione. provvederò a fare le denuncie a mia tutela contro il messaggio apparso oggi su berlusconi risorgesse oppure no. è evidente che chiunque abbia usato il mio nome intende sostituire l’identità di MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD col mio nome e cognome.
    premesso che non sapendo chi essi siano provvederò a formalizzare espressa denuncia .nel frattempo mi aspetto una vostra dichiarazione sull’identità dell’indirizzo ip.

    ragion per cui comunico che non interverrò più su questo blog. da oggi ogni scritto col mio nome e cognome non mi appartiene.
    ciao cari amici

    una cosa e io in passato l’ho fatto . è scherzare sui nick. altra cosa è attribuirmi una mail. detto ciò finchè non farete chiarezza io non scriverò più alcun commento.

  26. sophia colpiacca scrive:

    il naranja si è dimenticato di prendere le gocce…..

  27. MOVIMENTO DI OPINIONE ROBIN DI SHERWOOD scrive:

    Questo è il Partito che noi abbiamo da tempo contattato, il cui Leader il Dott. Bruno POGGI [ SOCIOLOGO BOLOGNESE ] ha accettato INTEGRALMENTE il nostro PROGETTO DI LEGISLAZIONE FISCALE IMMOBILIARE [ ABBIAMO LA SUA MAIL DI RISPOSTA ] tra i punti del suo PROGRAMMA c’è L’ USCITA DALLA MONETA UNICA EUROPEA, mettiamo il Link al sito del MOVIMENTO LIBERA ITALIA che nel prossimo mese di Novembre, si presenterà alle Amministrative in Sicilia ed in seguito alle prossime elezioni politiche.

    http://www.movimentoliberaitalia.it/

Che ne pensi? Commenta!