Donne, case e triumviri

Prima Fini, poi Berlusconi e infine Bossi. Il centrodestra così come lo abbiamo conosciuto negli ultimi vent’anni non esiste più. Donne, case e triumviri hanno decretato il declino dei leader.

Il presidente della Camera è l’unico ancora alla guida di un partito, anche se formalmente è Italo Bocchino che parla a nome di Fli. La parabola politica di Fini è però iniziata a causa di un triumvirato. Come ci si può dimenticare della conversazione rubata dal Tempo tra Gasparri, La Russa e Matteoli? Era il lontano 2005 e i colonnelli già demolivano la figura del leader carismatico che aveva traghettato la destra dalla conventio ad excludendum al governo. Era l’inizio della fine. Poi nel 2007 arrivò Elisabetta Tulliani, nel 2008 il Pdl e la terza vittoria alle Politiche, nel 2010 si consuma la rottura con Berlusconi e di lì a poco lo scandalo della casa di Montecarlo. Donne, case e triumviri appunto.

Dei problemi giudiziari di Silvio Berlusconi si sa tutto e forse si è saputo anche troppo e infatti la sua uscita di scena è stata determinata da scandali pseudo-sessuali e su cui la magistratura deve ancora ben individuare quali sono le responsabilità del Cavaliere. Il berlusconismo è finito definitivamente a puttane mentre i guai per il Pdl sono dovuti a una cattiva gestione da parte dei triumviri che fino a poco tempo fa ne guidavano le redini: Sandro Bondi, Denis Verdini e Ignazio La Russa. Il primo è caduto in disgrazia per la cattiva gestione del dicastero che gli era stato affidato (Pompei docet), il secondo deve le sue sventure alle indagini sulla P3, mentre l’ex aennino La Russa è stato da sempre poco accettato dalla maggioranza forzista del partito. Ora il futuro del Pdl dipende tutto dal segretario Angelino Alfano.

Ieri è toccato a Umberto Bossi lasciare la leadership del suo partito, dopo essere stato travolto anche lui da un’indagine giudiziaria che coinvolge direttamente “the family” Bossi. Dopo la malattia che lo ha colpito nel 2004 il senatùr non era più lo stesso e il cerchio magico che gli stava attorno ne ha approfittato. Con la complicità del tesoriere Belsito la moglie e la fedele Rosy Mauro hanno messo le mani sul patrimonio del partito. Ancora una volta le donne e le case (vedi la ristrutturazione di Gemonio) sono la rovina di un leader.

Ora la Lega sarà retta da un triumvirato: Roberto Calderoli, Roberto Maroni e Manuela Dal Lago. I tre saranno capaci di non far naufragare la Lega Nord? O saranno la rovina del partito come o peggio degli altri due triumvirati sopra citati? È chiaro che dei tre il successore di Bossi con più chances è Maroni anche perché il nome di Calderoli compare tra le carte delle inchieste su Belsito and company. Riuscirà l’eterno numero due a diventare il numero uno senza spaccare il partito? Dalle urla della base che hanno accompagnato la sua uscita da via Bellerio pare molto difficile.

Fini, Berlusconi e Bossi sono però tre leader molto diversi tra loro e difficilmente rimpiazzabili perché, nonostante gli errori, a ognuno di loro va riconosciuto un merito. A Fini va dato atto di aver tolto la destra dalla fogna e averla portata al governo, a Berlusconi va riconosciuto di aver portato il bipolarismo e la democrazia dell’alternanza in Italia, costruendo il primo vero partito liberale di massa (in verità molto di massa e molto poco liberale nei fatti) e a Bossi va il merito di essere stato il portatore delle istanze della “questione settentrionale”. A differenza dei primi due, Bossi non ha creato soltanto un partito personale, ma una nuova ideologia: il leghismo.

Il bossismo nei fatti non è mai esistito, mentre il berlusconismo è stata parte integrante della Seconda Repubblica e probabilmente finirà con essa. Il leghismo è destinato a durare? E il nuovo centrodestra come e da chi sarà composto? È molto probabile che i leader del futuro saranno: Maroni, Casini e Alfano. Un nuovo triumvirato che però di nuovo ha ben poco e sa già di vecchio. Dalle macerie della Seconda Repubblica nascerà la Terza, sperando che non porti con sé altre macerie.

9 commenti a “Donne, case e triumviri”

  1. QR DeNameland scrive:

    Vabbeh, l’ennesimo pistolotto di banalità

  2. Pinuccia scrive:

    Trovo l’articolo davvero organico, dettagliato. Offre molti spunti di riflessione e rievoca diversi avvenimenti dei quali non mi rammentavo.

    La seconda Repubblica è morta. Evviva.

  3. CSR scrive:

    I tre leaders sono crollano non certo sulla base delle inchieste, del gossip ma per precisa incapacità politica. Avevano promesso mare e monti ed invece hanno solo ottenuto Monti.

  4. CSR scrive:

    ati

  5. pietro scrive:

    Nel caso di Berlusconi la frase “la sua uscita di scena è stata determinata da scandali pseudo-sessuali” è un assurdità, gli scandali pseudo sessuali non l’hanno spostato di una virgola, semplicemente quando la situazione si è fatta seria è scappato facendosela sotto dalla paura di non spare più che pesci prendere, se aveva le palle invece di rimanere sottomesso alla marmaglia di parassiti di partito avrebbe detto ” questo è quello che bisogna fare, chi lo vota salva l’Irtalia, gli altri si prenderanno tutta la responsabilità dello sfascio” invece ha preferito dimetteresi e cercare di scaricare tutte le responsabilità , ANCHE degli aumenti di tasse votati e voluti dal suo governo ( che sono quasi l’80% delle tasse in più che pagheremo ) su Monti.

  6. pasquale scrive:

    x pietro e per chi la pensa come lui.
    Berlusconi se la fatta sotto?
    petro svegliatiiiiiiiiiiiiiiiiii
    per fare approvare la riforma Gelmini
    che non dico che sia perfetta pero’ ha tanti lati positivi ci son voluti mesi,
    mesi di barricate, di scioperi,levate di scudi dei nostri intellettuali, tu pensa
    cosa sarebbe successo se Berlusconi avesse solo messo mano alla riforma delle pensioni “tienamment” cinese-napoletano, la verità e che in italia ognuno pensa ai fatti suoi e nessuno al ben di tutta la collettività, abbiamo dato il paese in mano alla magistraturae queata ne fa’ quello che vuole,
    ma cerca di spremere un po’ le meningi e pensa un po’:
    non ho grosse simpatie per la lega e bossi, ma penso e mi dico:
    Penati in Lombardia se ne parla da mesi un macello ma non esce mai un’intercettazioni, Lusi se parla già un mese ma hai sentito di intercettazioni?
    Belsito e la lega dopo 2 ore che si sapeva che erano indagate, beh dopo 2 ore gia ci sono i verbali delle intercettazioni, perchè questo doppio
    trattamento? un mistero…per chi è cieco è sordo….buoan pasqual

  7. sophia colpiacca scrive:

    hai tirato dentro fini perchè ti mancava il terzo.

  8. axenos scrive:

    Sarei curioso di conoscere i tanti lati positivi della “riforma” gelmini…

  9. Francesco Curridori scrive:

    Rispondo solo @Sophia: ho parlato anche di Fini perchè un uomo che riesce a far crescere la destra italiana dal 5% al 12, la porta al governo, diventa il numero 2 del centrodestra e poi perde una leadership praticamente già sua per fare una battaglia senza truppe…beh è un leader che manca di strategia e che mi ha deluso profondamente. Ci credevo in lui e poi si allea col Pd e con questo ho detto tutto…

Che ne pensi? Commenta!