dicembre 2012

Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica

Un augurio affettuoso a tutti voi, uomini e donne d’Italia, che vivete e operate in patria e all’estero, e in particolare a quanti servono da lontano la nazione, in suo nome anche rischiando la vita, come nelle missioni di pace in tormentate aree di crisi. Mi rivolgo a voi questa sera nello stesso spirito del mio primo messaggio di fine anno, nel 2006, e di tutti quelli che l’hanno seguito. Cercherò...

Viaggio al centro della politica

Ogni grande crisi economica ci costringe a darle un nome, quasi per immaginare un legame personale, e noi oggi abbiamo a che fare con la crisi del debito sovrano; invece per alcuni, tra cui il premio Nobel, Krugman, quest’ultima è solo un passaggio di una crisi globale più articolata. Fatto sta che la congiuntura negativa in Italia continua a fare da sfondo ad un’ulteriore crisi di natura...

La libertà e la dietrologia

Indipendentemente da come finirà la salita in politica di Mario Monti, e dall’idea che ciascuno di noi si sia fatto a riguardo, nella faticosa maturazione del decidere del premier e – soprattutto – nelle relative cronache di stampa mi è parso di ritrovare un tratto distintivo dell’Italia contemporanea. Un aspetto tipico che potrei condensare dicendo che siamo completamente disabituati a scelte...

Caro Bruno Vespa…

Gent.mo Dott. Bruno Vespa, ringrazio Lei e la brava giornalista Vittoriana Abate per la possibilità offertami il 19 dicembre 2012, in occasione del collegamento di Porta a Porta con la Cartiera di Pompei, di esprimere il mio pensiero. Ovviamente il tempo concessomi era il massimo possibile nel contesto e nell’economia della interessante serata, ben organizzata con i suoi intelligenti collegamenti...

Un desiderio laico

Sono ebreo e non festeggio il Natale. Ne percepisco profondamente l’atmosfera, certo. Ma non lo festeggio religiosamente. Se lo festeggiassi, però, se Babbo Natale esistesse, se una volta ogni tanto fosse possibile esprimere un desiderio che si realizzi nella sua pienezza, saprei cosa chiedere: Matteo Renzi e Oscar Giannino uniti per cambiare l’Italia. So che la mia è una perversione politica...