Per stomaci forti

Oggi, domenica 17 aprile, il titolo di apertura del quotidiano Libero era riferito a Vittorio Arrigoni. Eccolo: “Lasciatelo là”. Perché? Intanto perché pare che la madre di Vittorio, il cooperante italiano ammazzato da qualche balordo salafita, abbia chiesto che il cadavere del figlio, nel suo ultimo viaggio di ritorno, non transiti per Israele, paese che Vittorio in effetti non amava...

La zuppa al pesto e la macchina del fango

Amico francese, la tua cucina è pesante, barocca e piena di inutili salse che coprono tutti  i sapori. E la tua – amico italiano – è povera, senza creatività e vecchia come il tuo paese. Più o meno è questo lo scambio di accuse standard fra italiani e francesi. Anche io l’avrò detto decine di volte che la cucina francese non mi piace perché – per esempio – usano troppa...

Montezemolo, Berlusconi e la carbonara

La scena è da manuale: un gruppo dirigente ha appena perso il controllo del Paese, e lo ha perso più rapidamente di quanto non sospettasse; la nutrita pattuglia di quelli “contro”, quelli che hanno contribuito alla caduta del suddetto gruppo di potere, è galvanizzata e operativa, pronta a rimboccarsi le maniche per il Paese; si respira finalmente un’aria frizzante, costruttiva, quand’ecco…...

La bufala del Colonnello

Inutile cincischiare, siamo in un cul de sac; il regime di Gheddafi  va abbattuto, travolto, asfaltato. Adesso. Gli aerei sono partiti e la macchina non si fermerà tanto facilmente. Purtroppo. Chissà cosa succederebbe se malauguratamente “l’amico Muammar” dovesse riprendere il controllo del Paese. Ci siamo imbarcati in un’avventura intrapresa da altri, senza forse avere un’alternativa reale....

Alfano, l’anarchico e le quaglie

Essere garantisti, esserlo per davvero voglio dire, è assolutamente impopolare. Agli occhi degli altri: della signora che abita sul tuo pianerottolo, del barista, del collega come dell’amico, è una posizione quasi provocatoria. In questo Paese, sembra che essere garantisti per i “colletti bianchi” sia difficile, per gli spacciatori tunisini quasi impossibile. Ieri sera abbiamo sentito il ministro...