Se coi bimbi congolesi ci fosse stata la Carfagna?

Ora lo sappiamo che il bene è fotogenico. Che le cose positive fatte da un governo si possono mostrare, sempre. Che una ministra può scendere le scalette dell’aereo di Stato tenendo per mano due bimbi congolesi che il governo ha riportato ai genitori adottivi che li aspettavano. E che questa ministra può venire bene in foto, come una principessa da rotocalco, senza che ciò intacchi la sua...

Il leader del centrodestra sia a-berlusconiano

Ed anche per il centrodestra arrivò la collisione con l’iceberg. I risultati elettorali parlano chiaro. Un epilogo prevedibile, prevedibilissimo. Tanto che nessuno ha fatto nulla per evitarlo. Ma così è. Potremmo stare ore a discutere sulla qualità di una classe dirigente che (salvo rari ed illuminati casi) nell’inettitudine più totale ha portato, dal sogno realizzato di una casa comune dei...

Riforme: conta la sostanza

D’accordo, non siamo ancora alla riforma costituzionale di abolizione delle province, ma il voto al Senato che, di fatto, le esautora di ruoli e funzioni, è una svolta epocale. Che fa il paio con la nuova legge elettorale. Il prossimo passo dev’essere la trasformazione del Senato in Camera delle autonomie.  ...Leggi...

Monocolore Renzi

Quello che non vorremo ri-sentirci dire tra un po’ è “non m’hanno lasciato governare”. Non lo sopporteremmo. Cosa probabile invece se Matteo farà un governo in cui la sola rottura sarà lui.  ...Leggi...

La curva di Laffer

Quando nel 1980, durante la campagna elettorale per l’elezione del Presidente Reagan, il giovane economista Arthur Laffer gli espose la sua teoria circa la gestione dell’economia nazionale, consigliandogli di diminuire l’aliquota delle tasse per avere maggior reddito, sembrò una bestemmia. Reagan lo prese sul serio ed appena eletto cambiò il sistema della tassazione. L’America...

Complessità e confusione

Era nell’aria. L’exploit di Matteo Renzi alla guida del PD conclude il percorso preparativo alla presidenza del consiglio, auspicato ormai dalla maggioranza degli italiani. Inutile girarci intorno, Renzi rappresenta l’ultima spiaggia per questa Italia disastrata dove non funziona nulla e dove c’è l’intenzione di cambiare qualcosa affinché tutto resti come prima....

Governare la protesta

Il coordinamento 9 dicembre – i “forconi” per intenderci -, Grillo, il M5S e Berlusconi: il loro minimo comune denominatore è l’Europa. Populismo spinto, linguaggio violento, confusione programmatica, esasperazione del conflitto: questi sono i tratti distintivi di una protesta che sta creando non pochi disagi in questi giorni in Italia.  ...Leggi...

Il falso mito di Kennedy

Ricorre in questi giorni il cinquantesimo anniversario dell’assassinio del Presidente degli Stati Uniti d’America John F.Kennedy, la cui ricorrenza è stata celebrata con la dovuta attenzione e molta enfasi da parte dei media.  ...Leggi...