Votoscambismo all’amatriciana

Roberto Saviano twitta all’impazzata le sue preoccupazioni sul voto di scambio. Bersani e Monti accusano Berlusconi di votoscambismo per la promessa della restituzione in contanti dell’IMU sulla prima casa. Vorrei tranquillizzare gli elettori: ogni voto è di scambio. E valga un aneddoto di circa vent’anni fa accaduto in un luogo politicamente meno putrido.  ...Leggi...

La lapide di Prodi
a piazza Duomo

L’apparizione a sorpresa di Romano Prodi alla grande manifestazione milanese del Pd – talmente grande da meritare l’apertura di Repubblica – mi ha profondamente rattristato. Parlo di quel tipo di tristezza che ti prende quando, nonostante tu in fondo ti augurassi il contrario, sta accadendo esattamente ciò che a malincuore avevi previsto. Prodi odora di sconfitta lontano un miglio, e vederlo come...

Dal caos nascono
Grillo e Giannino

Le radici della “rivoluzione montiana”, che tende a dissolvere la tradizionale visione politica scissa in destra e sinistra, le ritroviamo già nel pensiero dell’antichità classica condensato nella massima “in medio stat virtus”. Così Monti si propone di mettere insieme il diavolo e l’acqua santa, attraverso un preteso rinnovamento interiore dell’elettorato,...

Vedere col cervello

Se da giovane mi avessero detto che ci vede meglio un cieco genio, di un vedente idiota, avrei pensato subito di essere in compagnia di un matto. Bene, da vecchio, sono disposto a scommettere che è così. A noi umani non serve a niente vedere con gli occhi, se poi non siamo in grado di capire. Ecco perché il genio cieco vede più dell’idiota vedente, che anche a scontrarsi frontalmente con la verità...

Il silenzio degli arroganti

Ora, finalmente, la sottile escalation dell’allarme ha trovato il suo ubi consistam: dal sempre opinabile voto utile possiamo tornare all’approdo impositivo del voto necessario.  ...Leggi...

Agenti recessivi

“Il contatto è situato in un vecchio edifico alquanto logoro. Salgono diverse rampe di scale. Sul pianerottolo di una di esse un gatto nero attraversa per ben due volte la scena. Neo se ne avvede ed esclama sorpreso: “Ah, un déjà vu!“ ”Scusa che hai detto?” gli chiede Trinity. “Niente, ho avuto un piccolo dejà vu” le risponde lui. “Che cos’hai visto?”...

Il caos regna sovrano/2

Ho già titolato così un precedente articolo. I fatti maturati in seguito mi fanno riflettere e concludere come al peggio non ci sia fine; c’è sempre qualcosa peggio del peggio.  ...Leggi...

La grande occasione perduta

Quando nel novembre del 2011 nacque il governo Monti, l’Italia si trovava nel pieno della crisi e i partiti sembravano oramai collassati. C’erano insomma le condizioni – e per questo il governo tecnico fu salutato con entusiasmo da un’opinione pubblica largamente trasversale agli schieramenti politici – per voltare pagina, azzerare il bipolarismo tribale della Seconda repubblica, archiviare...