Bella la vita

Tirare la cinghia, fare sacrifici, vivere con sobrietà: queste sono le nuove parole d’ordine dell’era Monti! Peccato che – come sempre in Italia – quelli che predicano bene poi (immancabilmente…) razzolano male!

Un esempio? Corrado Clini vi dice niente? No? E allora vi racconto una storiella (senza lieto fine…)

Il dottor Corrado Clini è l’archetipo del super-boiardo di Stato. Egli ha sempre razzolato nei pressi del Potere sino a diventare direttore generale del ministero dell’Ambiente (dal ’91 al 2011) con annessa “paghetta” di (almeno) 350mila Euro all’anno, oltre ai vari immancabili benefit legati alla poltrona…

Poi (grande colpo di fortuna) è arrivato il “governo tecnico” di Monti e l’ineffabile dottor Clini si è magicamente ritrovato catapultato sulla poltronissima di ministro dell’Ambiente! Bingo (deve aver pensato il neo-ministro Clinex): questo è il degno coronamento di una  “onorata” carriera da oscuro (ma strapagato) “servitore dello Stato”…

L’ineffabile ministro Clinex – però – sembra non esser ancora entrato in sintonia con il nuovo verbo montiano (quello che straparla di sobrietà…) e – udite udite – dopo le “improbe fatiche” di novembre, dicembre e gennaio, a febbraio si è concesso una super-lussuosa vacanza sulla neve (5 giorni) in Alta Badia con moglie a rimorchio…

L’ineffabile ministro Clinex – che evidentemente non conosce il significato dell’espressione low profile – ha pensato bene di alloggiare nella più lussuosa Spa della zona, il magnifico Relais & Chauteaux “Rosa Alpina” di San Cassiano, quello con annesso il famoso ristorante 2 Stelle Michelin “St.Hubertus” del mio amico chef Norbert.

Chi conosce bene l’Alta Badia (e io ci vado – in rifugio  – da almeno 25 anni) sa bene che è sempre stata più cara (e più snob…) di Cortina o della Val Gardena. E San Cassiano – piccolo paesino che rifugge il turismo di massa – è al top per prezzi ed esclusività!

Facendo due conti quella “vacanziella” all’ineffabile ministro Clinex sarà costata “spannometricamente” (tra spese di hotel, ski-pass, cenette al St. Hubertus, qualche regalino e spese di trasferta) all’incirca 8.000 Euro….(Euro più, Euro meno), grossomodo quanto guadagna in un anno un “povero sfigato” di neolaureato non raccomandato e con lavoro super-precario…

Intendiamoci bene, io non sono contro la ricchezza (anzi!) ma mi fanno girare vorticosamente  le palle gli spudorati, i privilegiati e gli ipocriti!

L’ineffabile dottor Clini ha avuto nella sua vita l’unico immenso culo di entrare a far parta di quella specialissima casta di boiardi di Stato immotivatamente strapagati e super-coccolati: almeno 350mila Euro all’anno di “paghetta” non sono certo bruscolini, specie se confrontata con quanto guadagnano gli omologhi dirigenti statali di altri Paesi europei certamente meglio amministrati…

E poi  il ministro Clinex – a sentirlo parlare – non mi pare proprio “un grande genio” degno del Nobel: conosco ottimi laureati trentenni super-specializzati (gente cazzuta che parla inglese, russo e cinese, gente che ha fatto fior fiore di master all’estero) che uno così se lo mangiano a colazione…

No, il ministro Clinex non è “un fulmine di guerra” nei suoi ragionamenti, e se oggi dovesse andare a cercarsi un lavoro sul libero mercato farebbe molta, molta fatica per arrivare a prendere gli stessi soldini…

E inoltre – particolare non trascurabile – l’odierna  “paghetta” gliela versiamo noi, noi contribuenti italiani che siamo spremuti come dei limoni dal Fisco affinché quelli come Clini possano continuare a mantenere il loro faraonico stile di vita…

Ma vi sembra possibile che a nessuno di lorsignori venga mai un sussulto di vergogna? Ma vi sembra possibile che questi spudorati abbiano pure la faccia-come-il-culo di andare in Tv a chiedere sacrifici? E perché, perché noi italiani dobbiamo ancora continuare a  foraggiare all’infinito questa inetta e strapagata classe dirigente statale di peripatetiche senza cuore? Io non trovo risposte, e voi?