Pdl e dintorni

Caro Cavaliere, Le scrivo perché in Sicilia questo centrodestra perderà

Ho preso carta e penna per rappresentarLe con delusione il mio presentimento per l’imminente appuntamento elettorale siciliano. Ho sempre ammirato nella sua vita l’intuizione rivoluzionaria, sorretta da quella forza creatrice che ha portato il filosofo Erasmo da Rotterdam a scrivere e pubblicare “L’elogio della follia”, un libro come racconta lei sempre a sua portata di mano. Proprio in questo...

Un giro di proporzionale per un nuovo Stato

Diciamo le cose come stanno, gli unici a non volere le elezioni sono il Presidente del Consiglio e, forse, il Presidente della Repubblica, e magari qualche deputato e qualche ministro preoccupato più per sé stesso che per le sorti del Paese. Un po’ pochino per continuare a navigare in mezzo al guado. Mi si dirà che si tratta della volontà delle più alte cariche dello Stato e non si può non...

Consigli non richiesti/2

Il clamoroso incidente sugli scatti di anzianità degli insegnanti è solo l’ultimo dei pasticci combinati da un governo che non ha né prospettiva né maggioranza politica né leadership né idee né programmi né personale all’altezza, e sta in piedi solo perché – per contingenze varie – non può essere subito accomodato alla porta. E senza alcun rimpianto. Ora, non mi interessa qui entrare...

Come scegliere un leader

Visti da lontano i nostri politici appaiono come quegli attori di strada che recitano un copione adattandolo di volta in volta al pubblico che li circonda. Strategia economica, riforme strutturali, politica europea giacciono da tempo all’ufficio degli oggetti smarriti e nessuno del governo che vada a reclamarli. Piuttosto la principale occupazione che avvolge le schiere dei mestatori entrati in...

Berlusconi e gli pseudo-comunisti

Egregio Presidente Berlusconi, pensavo di non occuparmi più delle sue vicende politico-giudiziarie, ma il post pubblicato su Internet da l’Opinione col titolo “Berlusconi, lettera per trovare l’unità”, mi ha confermato che il ventennale fallimento della sua politica l’ha messa nella tragicomica condizione di dover sostenere il governo dei suoi persecutori, sperando che vogliano graziarla....