Prima pagina

Abolire i Tar

Il Tar del Lazio ha bloccato le nomine di 5 direttori di musei perché non sono cittadini italiani. Al diavolo titoli, meriti e risultati. Si ferma tutto l’impianto di riforma e modernizzazione gestionale faticosamente avviato con Franceschini. Nella Repubblica dei giudici non c’è solo la lotta tra procure e all’interno delle procure. Abbiamo notizie quotidiane da Milano fino alla Puglia passando...

Se l’Ama fallisce il Comune chiede aiuto ai privati (a spese dei cittadini)

A Roma succede che se l’azienda di nettezza urbana locale si rifiuta di intervenire bisogna elemosinare aiuto ad una società esterna che serve già un altro Comune. Può capitare infatti che l’AMA, la municipalizzata del comune di Roma che si occupa di raccolta, trasporto, trattamento, riciclaggio e smaltimento rifiuti non risponda alle chiamate della polizia locale quando c’è da mettere in...

Lobby anti-Consip?

La questione non è solo di credibilità dell’indagine in corso, ma di interessi. Esiste anche una lobby (non dichiarata) che è contro il “modello Consip”? Ho sentito alla  radio un imprenditore lamentarsi del fatto che era difficile vincere le gare. Poi in intercettazioni sulla sanità altre lamentele (di indagati?) sul ribasso dei costi a causa della Consip. A chi può spiacere la Consip? Un...

Pd, meglio la scissione della palude ma serve più riformismo

Articolo disponibile su FIRSTonline  Che cosa sarebbe meglio per il Pd: la “scissione” oppure la “palude”? Se l’alternativa fosse davvero questa, allora la scissione sarebbe preferibile, purché, ovviamente, a provocarla non siano futili motivi ma radicate e non mediabili divergenze sulle scelte strategiche di fondo. Ad esempio sull’Europa. Che cosa vogliamo che faccia l’Italia? Che...

Romeo, il ritorno dei teoremi viventi

Ai tempi della lontana vicenda giudiziaria del 2008 chi scrive sostenne, su un blog fatto in casa, la tesi che quello attribuito allora a Alfredo Romeo sulla base delle accuse della Procura napoletana fosse un teorema e non un sistema. A sostegno dell’accusa  furono portate: una gara mai bandita dal comune di Napoli per la manutenzione stradale, conversazioni telefoniche ed incontri con esponenti...